Cronaca » Svizzera

Svizzera, niente cittadinanza per i musulmani che rifiutano la stretta di mano

Sabato 18 Agosto alle 13:00 - ultimo aggiornamento alle 14:52


Immagine simbolo

Non hanno stretto la mano a persone del sesso opposto al lavoro: per questo motivo non hanno ottenuto la cittadinanza svizzera.

Una coppia di religione musulmana si è vista rifiutare il passaporto elvetico dopo un incontro con la commissione del comune di Losanna, che doveva valutare i requisiti dei due per diventare cittadini svizzeri.

I funzionari hanno infatti ritenuto che il divieto del contatto fisico tra persone dello stato sesso (eccetto tra familiari) - un comportamento sancito dall'ortodossia dell'Islam - fosse incompatibile con il principio dell'uguaglianza di genere.

Ora i due hanno 30 giorni di tempo per fare ricorso contro la decisione della commissione.

Nei giorni scorsi la sentenza di un tribunale svedese aveva dato ragione a una 24enne di religione musulmana che si era rifiutata di stringere la mano al suo intervistatore poco prima di un colloquio di lavoro.

Il titolare dell'impresa era stato condannato a pagare alla donna un risarcimento di oltre 3mila euro.

(Unioneonline/F)

 
farah alhajeh
Rifiuta la stretta di mano prima del colloquio e non ottiene il lavoro, il tribunale svedese: "Va risarcita"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • Vanila 19/08/2018 09:26:34

    M se intendono mantenere usanze e modo di vita, lontana anni luce dal Modus vivendi europeo, dove queste pratiche, come il rifiuto di toccare la mano di un uomo, non esisteva neppure nel più buio medio evo, cosa ci vengono a fare in Europa? nessuno li rimpiangerà se decidessero di ritornare indietro e riprendere la vita da islamici, senza strette di mano, senza rapporti sociali, senza contatti col sesso opposto, vivere da islamici sarà anche bello, ma lo facciano a casa loro.
  • user234904 19/08/2018 08:59:11

    se non rispettano le leggi di chi li ospitano che siano mandate via, devono dimenticarsi di vivere nel loro paese, se sentono la nostalgia che vadano via
  • Kaligola 18/08/2018 23:54:22

    Il principio di uguaglianza di genere è fondamentale per proteggere le nostre democrazie e va difeso in ogni modo. Non merita la cittadinanza chi scardina i principi fondamentali delle nostre costituzioni.
  • user237027 18/08/2018 19:20:10

    Più che giusto, anzi diretta espulsione, così imparano a rispettare chi li ospita
  • piriccu 18/08/2018 18:29:56

    Manco a farlo apposta. Si veda il mio commento al caso della ragzza mussulmana in Svezia.
  • ddeddeddu 18/08/2018 14:11:18

    Giusto... Se non esprimono volonta nel volersi integrare e accettare "usi e costumi" nel paese dove loro stessi vorrebbero diventare cittadini (che non gli è stato prescritto dal medico) è giusto che NON diventino cittadini di quel paese