Cronaca » Provincia di Pordenone

Pordenone, maxi inchiesta sui falsi San Daniele: 103 indagati

Sabato 18 Agosto alle 10:23 - ultimo aggiornamento alle 11:01


Prosciutto San Daniele (foto Ansa)

Maxi inchiesta a Pordenone dove 103 persone, tra allevatori, veterinari, addetti al macello e ispettori del Consorzio di tutela, sono indagati dalla Procura locale per la vendita di prosciutti San Daniele Dop privi dei requisiti necessari.

Una truffa milionaria che negli ultimi dieci anni ha fruttato un guadagno di diversi milioni di euro.

Le indagini hanno permesso di sequestrare 270mila prosciutti il cui valore, una volta immesso sul mercato, sarebbe stato di 27 milioni di euro.

I reati contestati sono di contraffazione e frode fiscale: basti pensare al contributo fornito dalla Comunità Europea di 400mila euro previsto per lo sviluppo rurale, cosa che viene garantita solo a prodotti di una certa qualità e identificati dalla Dop (Denominazione di Origine Protetta).

Il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, ha commentato così tramite una nota: "Un ringraziamento alla Procura per aver smascherato un giro d'affari impressionante legato ad una delle nostre maggiori eccellenze: il Prosciutto San Daniele. È solo continuando a lavorare quotidianamente a livello nazionale e internazionale che possiamo difendere i nostri prodotti di eccellenza, da quanti, con espedienti malavitosi, danneggiano il Made in Italy, i produttori onesti e l'economia del nostro Paese".

(Unioneonline/M)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user241794 18/08/2018 18:20:03

    altro che controlli e certificazioni... qui è tutto falso.
  • lucia92 18/08/2018 11:58:44

    Che bravi questi signori italiani, sempre pronti a truffare a noi stessi. I nemici dei nostri prodotti sono gli italiani stessi a quanto pare. Spero paghino veramente per il danno d'immagine causato.
  • Vanila 18/08/2018 11:24:46

    Sono buoni? si chiamino san patrizio, invece che daniele....