Cronaca » Provincia di Genova

Quelle 17 famiglie che dicono no ai funerali di Stato: "Una farsa"

Venerdì 17 Agosto alle 10:21 - ultimo aggiornamento alle 19:51


(foto Ansa)

Tra i 38 morti accertati e identificati nel disastro di Genova, domattina alle 11 davanti alle massime cariche dello Stato ci saranno probabilmente solo 14 bare.

Per 17 vittime (per altre sette non è ancora stato deciso nulla) i parenti hanno deciso di dire no ai funerali di Stato preferendo invece una cerimonia intima e privata.

È il caso dei quattro amici di Torre del Greco, in Campania: oggi pomeriggio l'ultimo saluto a Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione, i 4 giovani torresi morti mentre stavano andando a Nizza e poi a Barcellona per le vacanze estive.

"Non vogliamo un funerale farsa - scrive su Facebook il papà di Giovanni, Roberto Battiloro - ma una cerimonia a casa, nella nostra chiesa a Torre del Greco. È un dolore privato, non servono passerelle".

E ancora: "Da oggi inizia la nostra guerra per la giustizia, per la verità: non deve accadere più".

Alla cerimonia sono stati presenti il sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba, che ha proclamato il lutto cittadino, e altri rappresentanti delle istituzioni.

Anche per Stella Boccia, 24 anni, funerali privati a Foiano della Chiana (Arezzo). Sarà domani pomeriggio, senza telecamere così come voluto dai familiari, alla presenza esclusiva di parenti e amici provenienti anche da Somma Vesuviana (Napoli), luogo di origine della famiglia, che si era trasferita in toscana una ventina di anni fa. Il fidanzato, il peruviano Carlos Jesus Erazo Trujillo, 27 anni, resta a Genova.

Esequie private anche per Gennaro Sarnataro, 43enne di Casalnuovo che stava tornando a casa con il suo camion, per la famiglia di Pinerolo (tra loro due ragazzi di 16 e 12 anni), Elisa Bozzo, 34enne di Busalla (Genova), Francesco Bello, 41enne, a Pedemonte, Alessandro Robotti e la moglie Giovanna Bottaro, 50 e 43 anni, ad Arquata Scrivia, nell'Alessandrino.

(Unioneonline/D)

E VOI COSA NE PENSATE?

 
un immagine della camera ardente allestita oggi a genova (foto ansa)
Genova, alcune famiglie delle vittime rifiutano i funerali di Stato: siete d'accordo?

LE RICERCHE:

 
il supporto alla familiare di una vittima (foto ansa)
Sotto le macerie si cercano ancora tra i 10 e i 20 dispersi

LE STORIE:

 
ersilia piccinino roberto robbiano e il figlio samuele
Samuele, mamma e papà: quel traghetto mai preso per la Sardegna

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

10 commenti

  • rosalux 19/08/2018 23:00:26

    Vedere tanti volti belli e sorridenti, soprattutto di giovani, e sapere che ci hanno lasciato per sempre fa venire il magone in gola. Ritengo giusto che tanti familiari abbiano scelto di piangere i loro cari in silenzio e senza la presenza dei politici, magari in cerca di visibilità. Non vorrei certo essere al posto di coloro che per colpevole incuria o altri motivi hanno causato questa enorme sciagura e spero che costoro vengano presto individuati e puniti.
  • Sprafundu 18/08/2018 15:55:28

    Mi vien da piangere al pensiero di come siano morte tutte queste persone.. famiglie che dopo tanti sacrifici avevano comprato un biglietto per la Sardegna o Barcellona, chi aveva un contratto di 6 mesi in qualche cantiere, chi semplicemente passava di li come sempre aveva fatto,magari con mille pensieri...tante storie, una diversa dall'altra ma con un unico denominatore: Sofferenza. Non ci sono più parole, non ci sono più lacrime...tanto dolore e riflessione..amiamo la vita ogni giorno
  • IOL 18/08/2018 15:46:14

    Sono d'accordo con chi ha scelto di dare sepoltura ai propri Cari senza clamore e senza FELUCHE in campo. Lo sciacallaggio sa camuffarsi in tanti modi. C'è d'augurarsi che la verità vera ( non quella artefatta) venga a galla velocemente: e poi vederemo chi, fra i sempre presenti, meritava l'applauso con inchino. Bastava la Signorilità del Capo dello Stato a rappresentare TUTTI. Altri potevano stare a cena senza infastidire. Attendiamo lo sviluppo del lavoro inquirente da parte delle PROCURE.
  • lucia92 18/08/2018 12:01:48

    Giustamente rifiutano i funerali di Stato, di uno Stato dove il Ministro dell'Interno la sera della tragedia a Genova banchettava coi suoi sostenitori nel sud Italia. Che vergogna!
  • mustazz 17/08/2018 21:24:14

    Onore a queste famiglie., e molto disonore a tutti i politici, sciacalli il loro primo pensiero è sempre a come sfruttare le disgrazie a vantaggio del proprio consenso. Ma si facciano un esame di coscenza anche tutti quelli che si lasciano usare nei social network invece di "sprecare tempo" per informarsi davvero su come stanno i fatti e come funzionano le cose .
  • user238504 17/08/2018 18:23:19

    Il dolore non ha bisogno di timbri, etichette, ceralacche e presenze di politici presenzialisti. Il dolore di chi ha perduto una persona cara è assolutamente privato e personale, condiviso solo da parenti e amici veri.
  • palolo 17/08/2018 16:23:33

    Questa tragedia ha colpito tutti e forse anche oltre mare. Nessuno scrive su Facebook, nessuno in Italia pensa o immagina che questa disgrazia sia un "momento per sottoporsi all' occhio di chissa quale telecamera." Sono un Sardo, rattristato dalla morte di cosi tante persone. Per questi fratelli e sorelle, una preghiera di cuore. R.I.P. .
  • Duca65 17/08/2018 16:16:44

    Wing1250, anche gli idioti, e sono stato gentile.
  • Mens_sana 17/08/2018 15:54:05

    Io sto con le famiglie dei poveretti morti per colpa di uno stato (con la s minuscola) che non vigila, che premia i corrotti, i furbi, i delinquenti. Basta farse di stato con il presidente che - tutto compito e buonino - in qualche modo cerca di placare l'ira dei più poveri dei più deboli. Presidente tiri fuori gli attributi e faccia sentire il volere di un popolo che non ne può più di "fatalità", che tali non sono, ma veri e propri omicidi con tanto di nome e cognome dei responsabili.
  • wing1250 17/08/2018 15:30:01

    I napoletani si distinguono sempre...