Cronaca » Capoterra

Aggredisce chi parcheggia l'auto sotto la sua abitazione: nei guai un 38enne

Giovedì 16 Agosto alle 16:26 - ultimo aggiornamento alle 17:03


I carabinieri

Da tempo aggrediva tutti coloro che parcheggiavano la loro auto accanto alla sua abitazione.

Così i carabinieri di Capoterra, dopo aver raccolto numerose testimonianze, hanno arrestato un pregiudicato di Cagliari, classe 1980.

L'uomo è stato trasferito nel carcere di Uta, per lui le accuse sono varie: reato di atti persecutori, lesioni personali, danneggiamento, minacce e stalking nei confrotni di coloro che avevano come unica "colpa" di parcheggiare la vettura nelle vicinanze di quella che l'aggressore definiva "una porzione di strada di sua proprietà".

Le vittime erano i vicini di casa, tra i quali i titolari di un salone di parrucchiere, che dopo i numerosi episodi hanno da poco deciso di chiudere la loro attività commerciale, poi ancora il titolare di uno studio di consulenza fiscale, i gestori di una casa vacanze, il titolare di uno studio di commercialista e un’impresa edile avente sede legale proprio nello stesso stabile dell’arrestato.

Il luogo dove avvenivano le aggressioni
Il luogo dove avvenivano le aggressioni

L'uomo è accusato di aver causato un perdurante e grave stato d’ansia, tanto da costringere numerose persone a modificare le proprie abitudini di vita, poiché vittime di aggressioni verbali quasi quotidiane, ingiuria e minacce anche di morte talvolta con l'utilizzo di bastoni.

In un caso dalle minacce si è passati ai fatti: il 38enne ha infatti aggredito un pensionato ex consigliere comunale di Capoterra (classe 1939) solo perché questi sostava con l'auto nelle vicinanze dell'abitazione dell'arrestato.

L'aggressore si è avvicinato al pensionato chiedendogli prima del denaro, poi ha rotto il cristallo anteriore dell'auto e lo ha percosso con calci e pugni: l'ex consigliere ha riportato la frattura vertebrale, un'ecchimosi ed escoriazioni varie.

(Unioneonline/s.a.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • Peppa_Piga 17/08/2018 10:50:17

    Ma nessuno che gli ha dato ciò che si meritava?
  • Pedron 17/08/2018 07:16:46

    Ma quale omertà il problema è che il ns. sistema fa acqua da tutte le parti, cosa credete che accada a questo decerebrato? Processo per direttissima patteggiamento e domani è fuori più arrogante e tronfio che mai, perché alla fine l’avrà vinta lui ... siamo il Paese dei balocchi.
  • iskander66 16/08/2018 21:12:22

    Fantastico leggere i commenti degli ingenui fiorellini commentanti, come se non sapessero dell'omertà che regna sovrana. Le vittime preferiscono farsi perseguitare e taglieggiare piuttosto che rivolgersi alle forze dell'ordine. E ben gli sta allora che subiscano tutto quello che gli viene inflitto.
  • paolo47 16/08/2018 19:59:17

    NON CAPISCO PERCHÉ LE FORZE DELL' ORDINE FACCIANO PASSARE TANTO TEMPO PRIMA DI INTERVENIRE ! ASPETTANO IL MORTO ?
  • user219175 16/08/2018 19:39:54

    Fino ad oggi nessuno aveva sporto denuncia? Mi viene piuttosto da pensare che le forze dell'ordine non abbiano mai fatto nulla....strano questo mio pensiero!
  • robivait 16/08/2018 17:40:12

    E gente del genere a cosa serve in una società civile?? NULLA