Cronaca » Londra

Salih Khater, il sudanese che ha travolto i pedoni a Londra. "È terrorismo"

Mercoledì 15 Agosto alle 11:04 - ultimo aggiornamento alle 14:53


Si chiama Salih Khater ed è un cittadino britannico di 29 anni originario del Sudan.

È lui l'uomo che ieri ha fatto ripiombare Londra nel terrore, travolgendo con la sua Ford Fiesta argentata pedoni e ciclisti prima di andarsi a schiantare contro le barriere che proteggono il Parlamento di Westminster.

Lo rende noto la Bbc, citando fonti governative.

Sono tre le persone rimaste ferite nell'attacco, nessuna di loro è in pericolo di vita.

Residente a Birmingham, Khater era noto alla polizia locale ma non ai servizi segreti di Sua Maestà né all'antiterrorismo. Ha studiato ingegneria elettronica, si è trasferito in Gran Bretagna cinque anni fa e ha ottenuto la cittadinanza.

È stato arrestato subito dopo lo schianto e si rifiuta di collaborare con le autorità. Secondo gli inquirenti ha guidato tutta la notte da Birmingham a Londra, poi ha dormito in macchina. E quando si è svegliato ha dato il via alla folle corsa che si è conclusa con l'arresto.

La polizia, che ha perquisito tre abitazioni a Birmingham e Nottingham e un Internet point dove l'uomo era solito recarsi, tratta la vicenda come atto di terrorismo, "date le modalità, visto il fatto che appare un atto deliberato e il luogo simbolico scelto".

(Unioneonline/L)

 
gli agenti tirano fuori il conducente dell auto
Londra, auto contro le barriere del Parlamento: pedoni feriti

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Giano 15/08/2018 18:09:53

    Terrorismo? Strano, pensavo fosse una nuova forma di passatempo, un gioco di società.