Cronaca » Provincia di Genova

Genova, sono 38 i morti accertati. Il Procuratore: "Non è una fatalità"

Mercoledì 15 Agosto alle 07:06 - ultimo aggiornamento Giovedì 16 Agosto alle 13:03


Il crollo (foto Ansa)

Sono andati avanti tutta la notte e tutto il giorno gli scavi sotto le macerie di Ponte Morandi, il viadotto dell'autostrada A10 di Genova che ieri alle 12 ha trascinato al suolo almeno 30 auto e tre tir in un boato, in un volo di 90 metri.

I soccorritori sono al lavoro da ore per recuperare i dispersi, davanti a una città ammutolita che per oggi e domani osserverà due giornate di lutto.

Sull'area stanno operando circa un migliaio di soccorritori tra Vigili del fuoco, tecnici sanitari e forze dell'ordine, con l'unico obiettivo di tirare fuori dalle macerie quanti più sopravvissuti possibili.

Il bilancio per il momento è già altissimo: 38 le vittime, secondo i dati confermati dalla Prefettura, tra cui tre bambini di 8, 12 e 13 anni. Almeno 16 i feriti. E ci sono anche oltre 440 sfollati, con undici palazzi evacuati.

Ansa
Ansa

"Le ricerche continuano, stiamo operando con la stessa forza giorno e notte 24 ore su 24 fino ad aver controllato tutte le macerie. Le ultime vittime estratte sono state trovate nel tardo pomeriggio di ieri. Non perdiamo la speranza di trovare ancora superstiti", ha spiegato Emanuele Gissi, dirigente dei Vigili del fuoco.

Quel che resta del ponte Morandi (foto Ansa)
Quel che resta del ponte Morandi (foto Ansa)

"Lo scenario che si è configurato fin dalle prime ore è stato difficilissimo - ha raccontato uno dei tecnici del centro operativo membro del team di maxi emergenza del 118 di Genova, tra i primi ad arrivare sul posto - ci siamo occupati di mettere in piedi un centro medico avanzato entro la prima ora. La difficoltà di questo scenario era la multifocalità: 5 aree completamente separate tra di loro in cui operare con azioni completamente diverse".

"Poi il cumulo di macerie che ha richiesto un enorme lavoro in corda dei Vigili del fuoco e pazienti intrappolati. Lo scenario del greto del torrente. Nei primi minuti abbiamo soccorso una quindicina almeno di pazienti vivi. Io so quello che ho visto, persone sopravvissute dopo un impatto del genere".

La parte del ponte rimasto in piedi (foto Ansa)
La parte del ponte rimasto in piedi (foto Ansa)

L'INCHIESTA - La Procura di Genova, intanto, ha aperto un'inchiesta per disastro colposo e omicidio colposo plurimo a carico di ignoti per accertare le cause di quella che il Procuratore capo Francesco Cozzi ha definito "una tragedia immane e insensata".

"Non è stata una fatalità, ma un errore umano a causare il crollo", ha affermato senza mezzi termini il Procuratore del capoluogo ligure.

PERICOLO ALTRI CROLLI - Intanto le operazioni di scavo e ricerca sono state momentaneamente sospese perché è a rischio crollo una parte del pilone autostradale rimasto in piedi ma pericolante. I vigili del fuoco stanno effettuando le verifiche di stabilità. La struttura incombe sulle case, il timore e che il cedimento di quel pilone possa far collassare la struttura sulle abitazioni.

Sono 632 in tutto le persone evacuate, e il sindaco di Genova Marco Bucci lancia l'allarme: "Stiamo lavorando per dare una casa a 311 famiglie. Faremo un budget ad hoc, perché temo che per un lungo periodo queste persone non potranno rientrare nelle loro abitazioni. Ho seri dubbi che le case sotto il ponte possano essere mantenute: non si possono salvare perché sono sotto un ponte che ha buone possibilità di essere abbattuto.

(Unioneonline/D-L)

IL CROLLO:

LE IMMAGINI DELLA TRAGEDIA:

I VOLTI DELLE VITTIME:

L'ATTACCO A AUTOSTRADE PER L'ITALIA:

 
danilo toninelli e luigi di maio
M5S all'attacco: "Revocare concessione a Autostrade, si dimettano i vertici"

LA SINISTRA PROFEZIA:

 
i momenti immediatamente successivi al crollo
La nefasta previsione: "Quel ponte crollerà tra dieci anni"

LE STORIE DELLE VITTIME:

 
ersilia piccinino roberto robbiano e il figlio samuele
Samuele, mamma e papà: quel traghetto mai preso per la Sardegna

L'EX PORTIERE DEL CAGLIARI:

 
davide capello
L'ex portiere del Cagliari: "Per un istante ho pensato: sono morto"

LE REAZIONI DALL'ITALIA E DAL MONDO:

 
i soccorritori sul luogo della tragedia
"Dolore e cordoglio": le reazioni dall'Italia e dal mondo

LA SOLIDARIETÀ DELLA GIUNTA PIGLIARU:

 
i pompieri nel luogo del disastro (foto ansa)
Tragedia a Genova: "La Protezione civile della Sardegna pronta a dare una mano"

LA STORIA DEL PONTE:

 
il viadotto morandi a genova foto kristian hasenj ger retrofutur org
Un ponte, una storia: un simbolo della città

BUFERA SOCIAL SUL GIORNALISTA BRITANNICO:

 
tom brady
Il disastro e il tono canzonatorio del giornalista britannico: furia su Twitter

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • compramindi 15/08/2018 16:51:06

    se fosse capitato in cina per i responsabili ci sarebbe già pronto un plotone d'esecuzione..ma in questa italietta non c'e nessun rischio.. i denari saranno al sicuro in qualche paradiso fiscale e il carcere non lo vedranno mai.
  • Antoniu 15/08/2018 15:13:49

    decenni in cui si poteva ammettere la necessità di dismettere quel ponte e farne un altro, ma l'intreccio di interessi, la bramosia del massimo profitto hanno voluto percorrere la strada del rischio, sfidando le probabilità. Alla fine le cose succedono davvero. La fisica se ne frega di tutto. E intanto i Benetton sempre più ricchi e sempre più potenti.
  • ZIOTABA 15/08/2018 13:31:24

    Le similitudini con il Vajont sono tante per fortuna non nel numero di vittime due opere ingegneristicamente all'avanguardia per quei tempi che crearono però nei progettisti non poche perplessità, l'ing. Morandi da subito ebbe forti dubbi sulla solidità della struttura così come l'ing. Semenza che costrui nella valle del Vajont che in friulano significa "viene giù" la diga più alta del mondo ancorandola ad un monte il Toc che in friulano significa "marcio"
  • Milgaus 15/08/2018 10:38:21

    Un paese in cui crollano cinque ponti in cinque anni, non è un paese che può essere chiamato moderno. Partecipiamo ai vari g7, ma in quei paesi, cose del genere non succedono: hanno a cuore l' incolumità dei propri connazionali. Mi sembra che in italia hanno a cuore solamente l' incolumità dei propri portafogli.......