Cronaca » Arabia Saudita

Strage di bambini in Yemen: sotto accusa i Sauditi

Giovedì 09 Agosto alle 15:00 - ultimo aggiornamento alle 17:02


Un bambino yemenita in un campo profughi del Paese. (Foto Ansa)

Salgono a 43 le vittime dell'agguato in Yemen, in gran parte bambini che viaggiavano a bordo di un bus nella zona del mercato di Dahyan, a Sa'ada, nel nord del Paese. La notizia è stata data dal Comitato internazionale della Croce Rossa, ma le circostanze dell'evento non sono ancora state chiarite.

Fonti vicine ai ribelli sciiti Houthi, citate dall'agenzia di stampa Dpa, parlano di un raid aereo della coalizione militare a guida saudita e Youssef al-Hadi, portavoce del ministero della Sanità controllato dagli Houthi, conferma che la maggior parte delle vittime ha meno di 15 anni.

La coalizione a guida saudita interviene militarmente in Yemen dal marzo 2015 a sostegno delle forze governative impegnate nella battaglia contro i ribelli Houthi, che hanno nella provincia di Sa'ada la propria roccaforte.

La notizia dell'attacco arriva dopo che stamani l'Arabia Saudita ha reso noto di aver intercettato e abbattuto ieri sera un missile lanciato contro la monarchia del Golfo dai ribelli Houthi con il sostegno economico e militare dell'Iran. Un agguato, quello di ieri a Jazan, "lanciato deliberatamente contro aree abitate", sostengono i sauditi, in cui è morto un uomo e 11 civili sono rimasti feriti dalle schegge del missile.

"Questo atto ostile, sferrato dalle milizie terroristiche Houthi - ha commentato il colonnello Turki Al-Maliki, portavoce della coalizione saudita in Yemen - dimostra che il regime iraniano continua a fornire loro equipaggiamenti all'avanguardia violando palesemente le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza Onu con l'obiettivo di minacciare la sicurezza dell'Arabia Saudita, della regione e del mondo".

Il conflitto in Yemen, la sua atrocità e la sua legittimità, sono oggetto di un aspro dibattito internazionale, che ha toccato anche l'Europa, l'Italia e la Sardegna.

Secondo i gruppi antimilitaristi, infatti, nel Paese affacciato sul Golfo verrebbero impiegati anche armamenti prodotti dalla Rwm di Domusnovas, filiale italiana del gruppo tedesco Rheinmetall, venduti all'Arabia Saudita in violazione delle norme internazionali.

(Unioneonline/b.m.)

 
la rwm di domusnovas
Rwm, il comitato di riconversione all'attacco della fabbrica e di chi la difende

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • Torre2 10/08/2018 10:14:24

    si trabant, soprattutto onesto!
  • Marinero 10/08/2018 08:19:03

    Torre2 09/08/2018 17:38:42, Perché, fingersi cristiano, porta dei privilegi particolari?
  • trabant 09/08/2018 19:22:05

    Torre2: si, le chiese sono piene! piene di gente che prega e ringrazia per il fatto di avere un sicuro e onesto lavoro.
  • Torre2 09/08/2018 17:38:42

    ma a Domusnovas le chiese sono vuote o qualcuno ci va per far finta di essere cristiano?