Cronaca » Provincia di Torino

Caso Moncalieri: quando i figli "inguaiano" i politici

Venerdì 03 Agosto alle 12:50 - ultimo aggiornamento alle 15:08


Renzo Bossi, Pellegrino Mastella e Cristiano Di Pietro

La storia della Repubblica, Prima o Seconda che sia, è costellata di casi di figli di politici finiti sotto i riflettori della cronaca, talvolta con conseguenze giudiziarie, ma comunque con effetti negativi sull'immagine dei loro padri illustri. Ultimo in ordine di tempo il caso di del figlio del consigliere del Partito Democratico Roberto De Pascali, coinvolto nell'aggressione all'atleta Daisy Osakue con un lancio di uova, che ha rischiato di comprometterne la partecipazione ai prossimi Europei di Berlino.

Con le dovute differenze, le "colpe" dei figli ricadono spesso sui genitori, specie se questi ricoprono cariche pubbliche, e talvolta la pubblica ammenda o la condanna dei pargoli non basta e si rende necessario il drastico passo indietro con l'abbandono della poltrona.

Ne sanno qualcosa Denis Verdini, Vincenzo De Luca, Maurizio Lupi, l'ex ministro Annamaria Cancellieri, e ancora Clemente Mastella, Antonio Di Pietro, Letizia Moratti, Umberto Bossi e anche l'intramontabile Ciriaco De Mita: padri e madri obbligati a fare i conti con i "guai" dei propri figli.

IL SUV DI TOMMASO VERDINI, GLI "AMICI" DI CRISTIANO DI PIETRO E GLI AUTOVELOX DI PELLEGRINO MASTELLA - Si va dalla denuncia per furto aggravato a Tommaso Verdini per aver tolto le ganasce alla propria auto bloccata dai vigili di Firenze ed esser ripartito come se niente fosse per una serata tra amici; ai guai giudiziari finiti con l'archiviazione di Cristiano Di Pietro e Pellegrino Mastella, figli del magistrato di Mani Pulite il primo, e del politico Clemente Mastella, il secondo: accusati rispettivamente di aver fatto pressioni al provveditore delle Opere Pubbiche campane per ottenere incarichi per "amici", e di esser stato coinvolto in una storia di appalti legati agli autovelox e nell'acquisto irregolare di un'auto.

LA GEA DI GIUSEPPE DE MITA E LA FONSAI DI PIERGIORGIO PELUSO - Più complessa, ma comunque archiviata, la vicenda di Giuseppe De Mita, figlio dello storico esponente DC Ciriaco, finito nell'inchiesta su Calciopoli e sulla società Gea, di cui era fondatore insieme ad altri figli "illustri". E ancora più delicata la posizione in cui si è trovata Annamaria Cancellieri quando era ministro della Giustizia, per via del coinvolgimento del figlio Piergiorgio Peluso nell'inchiesta sul crac di Fonsai e della holding Imco, che ha travolto la famiglia Ligresti.

IL ROLEX DI LUCA LUPI E LA BATCASA DI GABRIELE MORATTI - Un figlio che si laurea al Politecnico e riceve in regalo un orologio piuttosto costoso: nulla di male, se non fosse che il destinatario del dono si chiama Luca Lupi ed è figlio del ministro della Infrastrutture, e che il mittente si chiama Stefano Perotti, imprenditore accusato di aver avuto "aiuti" dal dirigente alle Grandi Opere Ercole Incalza, alle dipendenze dello stesso Lupi. Imbarazzo generale, anche perché all'orologio per il neolaureato seguirà un impiego sospetto all'Enel.

Da un ministro a un sindaco, con il caso di Letizia Moratti e del figlio Gabriele, accusato di aver svolto lavori senza permessi in uno stabile adibito a uso industriale e trasformato in una sorta di bunker degno di un eroe da fumetti come Batman.

SULLE ORME DI PAPÀ: IL CASO DEL"TROTA" - Non è bastata l'ironia di papà Umberto Bossi a rendere simpatico alla gente l'erede Renzo, convinto a intraprendere la carriera politica, consapevolmente o meno, e finito a poco più di vent'anni tra le fila del Consiglio regionale lombardo. Dopo i dubbi e le ironie sull'attendibilità dei suoi titoli di studio sono arrivate le inchieste sugli esosi rimborsi spese da consigliere, e la sua carriera politica si è spenta, con conseguenze non da poco anche per papà Umberto.

(Unioneonline/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • user238504 03/08/2018 17:04:49

    Umberto Bossi deve rendere conto dei 49 milionoi di euro percepiti indebitamente dalla Lega Nord per rimborsi elettorali e svaniti nel nulla. Non credo che in questo caso possa essere attribuita la colpa al suo demente figlio ( l'altro non è molto meglio). Salvini, che non c'entra con la sparizione dei fondi, dei quali la Legge chiede la restituzione ha parlato di sentenza politica contro il suo partito.
  • user0000001 03/08/2018 16:32:59

    non ricordo di nessuno dei politici citati che abbiano subito conseguenze dalle malefatte dei loro figli. Nemmeno in casi dove la responsabilita' del genitore era cosi' ovvia da doverli come minimo fare uscire dalla scena politica per sempre. Il problema e' che siamo in italia e non cambiera' mai. Se sei o se conosci qualcuno avrai comunque la vita piu' facile di chiunque altro. La meritocrazia da noi non e' mai esistita e mai esistera'.