Cronaca » Provincia di Roma

Rwm, la protesta contro la fabbrica bellica arriva a Montecitorio

Giovedì 02 Agosto alle 15:15


La protesta di Sardegna Pulita a Montecitorio

Ha varcato il Tirreno la protesta antimilitarista nei confronti della fabbrica bellica Rwm Italia.

Dieci esponenti di Sardegna Pulita, associazione fin da subito in prima linea nelle rivendicazioni contro lo stabilimento bellico, si sono radunati questa mattina davanti al Parlamento per mostrare a tutti le foto che ritraggono le terribili conseguenze tra i civili delle bombe prodotte anche dalla Rwm e sganciate in Yemen dalla coalizione guidata dall'Arabia Saudita.

Fermando diversi parlamentari (tra cui Vittorio Sgarbi) la delegazione sarda, che ha in programma di continuare la propria iniziativa fino a tarda sera, ha illustrato loro l'esposto già depositato in tribunale contro esportazioni belliche definite "fuorilegge" per la violazione della Legge 185 del '90.

Con Vittorio Sgarbi
Con Vittorio Sgarbi

"In Parlamento si sta votando il 'Decreto Dignità' - osserva Angelo Cremone, portavoce di Sardegna Pulita - ma in Sardegna non è dignitoso lavorare per costruire bombe da vendere all'Arabia Saudita così come non è dignitoso che queste vengano sganciate su bambini e civili".

È lo stupore il sentimento prevalente tra i tanti parlamentari avvicinati dagli antimilitaristi.

"Uno stupore immotivato visto che la questione è da anni di dominio pubblico" evidenzia Ennio Cabiddu che annuncia anche gli obiettivi dell'immediato futuro: "Stiamo lavorando affinchè il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico calendarizzi la relazione del Presidente del Consiglio sul traffico di armamenti partiti dall'Italia nel 2017. È uno dei compiti ai quali ogni anno deve far fronte il capo del Governo".

"Una volta che il Parlamento sarà aggiornato sull'enorme traffico bellico che coinvolge le aziende italiane produttrici di armamenti, i sentimenti di stupore non saranno più sufficienti" sentenzia Cabiddu.

A IGLESIAS:

 
la manifestazione al centro direzionale
Rwm, manifestanti dal sindaco di Iglesias per gli ampliamenti allo stabilimento

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

19 commenti

  • Brent 03/08/2018 14:30:45

    Nur scusa ma il tuo commento ha un tono un po' minaccioso, soprattutto alla luce del fatto che chiedi le generalità dei manifestanti è una cosa abbastanza preoccupante, fossi in te io esprimerei la mia opinione sul merito della questione (sempre che tu ne abbia una) senza insultare o minacciare chi non la pensa come te
  • user240269 03/08/2018 10:59:48

    Queste persone si impegnano per fermare un crimine, con questa azione non si stanno impegnando a risolvere altri gravissimi problemi. Ma chi li attacca con i vari commenti stà sicuramente facendo molto meno di loro su tutti i fronti sui quali é un dovere di ogni singolo impegnarsi per rendere la situazione più giusta e vivibile per tutti, non solo per chi produce bombe per uccidere innocenti.
  • Brent 03/08/2018 10:00:55

    Si si fate finta di non sapere, nascondetevi dietro il paravento dei lavoratori, dei sindacati e dei politici compiacenti...
  • Clausdieter 03/08/2018 10:00:28

    Questi individui non hanno altro in mente che protestare. Se dovesse chiudere la fabbrica allora si metteranno a protestare perchè hanno chiuso. Meglio che stiano a casa loro e lasciano in pace le persone che vanno al lavoro per guadagnare il pane quotidiano, visto che loro hanno la pancia piena e si possono permettere anche un viaggio a Roma!
  • lianu 03/08/2018 08:51:10

    Portatori di stupida ideologia, gente lontana anni luce dalla realtà di chi, ogni giorno, si alza di buon mattino per andare a lavorare, senza attingere comodamente da babbo Stato e mamma Regione.
  • wing1250 03/08/2018 07:41:37

    ingenui ed assai poco dotati questi " manifestanti ".
  • nur 02/08/2018 23:57:02

    Non vorrei essere nei loro panni se facessero chiudere la fabbrica...FACCIAMO NOME, COGNOME E PROFESSIONE DI QUESTI 4 GATTI PACIFINTI A PANCIA PIENA.
  • user235835 02/08/2018 22:16:52

    Concordo . E anche il livello di istruzione. E futuri propositi in politica.
  • wing1250 02/08/2018 21:01:31

    averne di fabbriche serie come questa.
  • Brent 02/08/2018 20:30:34

    PIRVI forse non hai afferrato bene il senso della questione, il problema non è che la fabbrica produce bombe, e ci mancherebbe altro ben vengano le fabbriche di armi, il problema è che queste bombe sono state vendute di nascosto a un paese che le ha utilizzate in un conflitto non autorizzato perché hanno bombardato la popolazione civile, nonostante la legge proibisce questo tipo di attività, è chiaro adesso? Oppure vogliamo sdoganare qualsiasi attività criminale solo perché da lavoro?