Cronaca » Libia

"Nave italiana soccorre i migranti e li riporta in Libia", Salvini smentisce

Martedì 31 Luglio alle 07:38 - ultimo aggiornamento alle 13:49


Soccorre un gommone con a bordo 108 migranti, recuperati nel Mediterraneo, poi li riporta in Libia: sarebbe questa, secondo la ricostruzione fatta dall'esponente di Liberi e Uguali Nicola Fratoianni, l'attività portata a termine dalla Asso 28, nave battente bandiera italiana che svolge il ruolo di supporto a una piattaforma petrolifera.

Se la vicenda fosse confermata, così come il fatto che il trasferimento a Tripoli sia stato effettuato dietro indicazione della Guardia costiera italiana, "si tratterebbe di un precedente gravissimo", aggiunge Fratoianni.

Da una prima ricostruzione, la Asso 28 ha preso a bordo i migranti e ha poi seguito le indicazioni delle autorità, che hanno disposto il trasferimento al porto di Tripoli, dove sono stati sbarcati senza quindi avere la possibilità di chiedere asilo, come è invece previsto dalla legge: la Libia infatti non è considerata porto sicuro, luogo in cui - secondo la convenzione di Ginevra - devono essere condotti i migranti soccorsi.

Il post pubblicato da Matteo Salvini su Facebook

Alcune ore dopo la diffusione della notizia, è arrivata la smentita del vicepremier Matteo Salvini con un post su Facebook.

"La Guardia Costiera Libica nelle ultime ore ha salvato e riportato a terra 611 immigrati. Le ONG protestano e gli scafisti perdono i loro affari? Bene, noi andiamo avanti così! P.s. La Guardia Costiera Italiana non ha coordinato e partecipato a nessuna di queste operazioni, come falsamente dichiarato da una Ong straniera e da un parlamentare di sinistra male informato", si legge nel messaggio.

(Unioneonline/s.s.-F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

64 commenti

  • rosalux 01/08/2018 14:03:28

    user240269, il problema che poni è di grande importanza ed è difficile affrontarlo in poche righe. Ciò che tu definisci tortura la chiamerei una gravissima ingiustizia, perché tutti abbiamo diritto ad avere di che vivere dignitosamente. Ma tra la tortura e l’ingiustizia esiste una fondamentale differenza. Dalla prima non ti puoi difendere, mentre dalla seconda un qualche sistema di difesa esiste. E tra queste la ribellione.
  • ziaCAGLIARI 01/08/2018 11:34:15

    Esimio USER239708 e compagni di numeretto; esiste la possibilità di darsi un DECENTE NOMIGNOLO per scrivere in queste pagine; senza rimanere dei numeri anonimi. Prima di criticare a vuoto la zia, abbiate la compiacenza di darvi un NICK, un NOMIGNOLO, insomma dimostrateci che sapete compiere questa cosa elementare. Poi, riprenderemo la discussione. Non ho lavorato nei campi, ma ho difeso i diritti dei lavoratori creando 4 sindacati dove lavoravo. ziaCAGLIARI
  • ziaCAGLIARI 01/08/2018 11:18:36

    ASSISTENZA SOCIALE – Chiunque si trovi sul territorio italiano ed ha problemi economici, deve essere assistito nel percepire un reddito, senza guardare il colore della pelle, senza guardare la carta di identità o documento regolare. Spendiamo 36 MILIARDI l’anno in armamenti, quindi è ora di destinare quei soldi alle persone e non ai CARRI ARMATI. Sono 70 anni che facciamo assistenza sociale ai CARRI ARMATI, è ora di smettere. ziaCAGLIARI
  • ziaCAGLIARI 01/08/2018 11:12:54

    io NE VOGLIO DUE… - L’Italia per il periodo 2014/2020 riceverà dall’Unione Europea 800 MILIONI DI EURO per l’assistenza ai migranti. La Sardegna e l’Italia, secondo la zia, dovrebbero varare norme che consentano a chi vuole assistere un nuovo immigrato, di percepire 500 euro al mese per un posto letto presso la propria abitazione. Mentre deve essere vietata la creazione di CENTRI DI ACCOGLIENZA simili a lagher o ai campi di concentramento. il futuro va programmato e non subìto. ziaCAGLIARI
  • rosalux 01/08/2018 09:33:02

    @user239708, lavori con immigrati regolari, ma sai cosa succede a coloro che vengono rimpatriati in Libia? Se ne sei a conoscenza fammelo sapere. Pare che vengano torturati in modo atroce e questo non lo dico io, ma i medici che ne hanno visitato tanti. Tu sostieni che le mie "finte visioni buoniste sinistroidi ormai fanno acqua da tutte le parti" e non sai quanto mi piacerebbe darti ragione. Ma purtroppo la cruda realtà me lo impedisce.
  • user240269 01/08/2018 09:27:05

    rosalux 31/07/2018 15:34:39, Hai ragione quando dici che non ci sia nulla di peggio della tortura. Tra le varie torture, quella psicologica (far credere di essere liberi e poter fare tutto mentre invece in realtà le principali libertà sono precluse ed é impossibile procurarsi i beni di prima necessità per la sopravvivenza) é sicuramente la peggiore e gli italiani.sardi subiscono proprio questa
  • user240269 31/07/2018 22:16:59

    ziaCAGLIARI, dimenticavo, in mezzo al SAHARA, in mezzo alle dune deserte sabbiose completamente disabitate, il posto più adatto per propagandare le tue teorie, restaci il più a lungo possibile
  • user240269 31/07/2018 21:09:08

    ziaCAGLIARI, le tue teorie strampalate senza senso vai a proporle nel posto giusto in quello più adatto, in mezzo alle dune deserte sabbiose completamente disabitate del SAHARA, dove nessuno le potrà sentire
  • ziaCAGLIARI 31/07/2018 21:02:44

    CONDANNATI A MORTE – Paesi sardi in via di sparizione per mancanza di abitanti: SEULO, BORTIGIADAS, USSASSAI, BORUTTA, GONI, SEMESTENE, BALLAO, OLLOLLAI, NULE, ARMUNGIA, MONTELEONE ROCCA DORIA, PADRIA, GIAVE, ed altri. E mentre abboccavate alle sparate salviniane vi spariva la vostra società paesana. Ora vi toccherà pagare gli stranieri per riempire quei paesi, oppure scomparire dalla faccia della Terra. Parola di zia. Unione, se ci sei, batti un colpo! Parlaci di Sardegna, non di Salvini.
  • PATRIANOSTRA 31/07/2018 20:33:50

    nessuno vuole africani perche non lavorano ,e cercano subito di vivere di sussidi.i soldi vanno spesi per noi cittadini non per questi nullafacenti.