Cronaca » Villasimius

Indagine sugli stabilimenti balneari: Villasimius, un arresto e 3 indagati

Martedì 31 Luglio alle 11:12 - ultimo aggiornamento alle 14:41


Villasimius

Un arresto e tre persone iscritte sul registro degli indagati. L'accusa: tentata concussione, falso, favoreggiamento.

A Villasimius l'inchiesta sulle concessioni agli stabilimenti balneari è sfociata nel blitz che ieri ha portato ai domiciliari Mauro Cucca, titolare della "Società servizi nautici srl" finita al centro degli approfondimenti investigativi disposti dalla Procura di Cagliari.

Gli uomini del Nucleo investigativo regionale della Forestale hanno notificato il provvedimento ieri sera dopo aver avvisato il suo avvocato difensore Antonio Incerpi: secondo le accuse del pm Andrea Vacca, titolare del fascicolo, avrebbe trovato il modo per sveltire le pratiche utili a ottenere servizi demaniali nelle spiagge del territorio.

Sotto accusa ci sono anche Giovanni Barracciu, dirigente dell'ufficio tecnico comunale, e Valentina Escana, funzionaria dello stesso ufficio, e anche il comandante della polizia municipale Pierluigi Casu: scoperta una microspia nell'ufficio di Barracciu, avrebbe omesso di avvisare l'autorità giudiziaria.

Cucca e Barracciu sono accusati di tentata concussione, Barracciu ed Escana di falso, Casu di favoreggiamento. Sui tre dipendenti comunali pende la richiesta di interdizione.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • educanda 31/07/2018 20:14:51

    Carissimo/a 244382 io il comandante non lo conosco minimamente, ho semplicemente letto con attenzione l'articolo e da quel che c' è scritto non è per nulla chiaro a chi avrebbe dovuto favorire la sua omessa denuncia; per il resto ben vengano tutti i controlli possibili e immaginabili con microspie, telecamere ecc. in tutti gli uffici pubblici dove purtroppo la corruzione, assenteismo, il peculato e altri atti delinquenziali sono ormai radicati. Cordiali saluti.
  • user244382 31/07/2018 16:51:59

    @ educanda : sei amica/o del comandante? ti ha colpito solo la sua accusa? diciamo che le accuse a parer mio sono state anche molto leggere, se mettessero le microspie un po' ovunque li metterebbero in galera senza passare dal via.
  • educanda 31/07/2018 14:30:42

    Scusate ma non capisco il "favoreggiamento" del comandante della polizia municipale: favoreggiamento verso chi? Avrebbe dovuto avvisare l'autorità giudiziaria la quale probabilmente è la stessa che avrebbe messo la microspia? Boh!
  • be 31/07/2018 12:28:23

    questi controlli li estenderei in tutta la Sardegna