Cronaca » Provincia di Vicenza

Spara a un migrante: "Volevo colpire un piccione". Un altro ferito a Caserta

Venerdì 27 Luglio alle 12:54 - ultimo aggiornamento alle 21:08


Il fatto è accaduto in provincia di Vicenza

Un operaio che stava lavorando su una pedana mobile a sette metri di altezza a Cassola

(in provincia di Vicenza) è stato ferito ieri pomeriggio da un piombino alla schiena.

A sparare, con un fucile ad aria compressa, secondo le indagini dei carabinieri, un 40enne che abita in un condominio vicino al luogo del ferimento.

L'uomo, che ha motivato il suo gesto affermando di voler colpire un piccione, è stato così denunciato a piede libero dai carabinieri di Bassano per esplosioni pericolose e lesioni aggravate.

Il fatto è accaduto nel centro del paese vicentino: l'operaio, 33 anni, originario di Capo Verde, dipendente di una ditta di impianti elettrici con sede a Vicenza, si trovava su una pedana mobile, sospeso a circa 7 metri d'altezza, impegnato a collegare le luminarie davanti al municipio, quando è stato colpito da un'arma da fuoco.

Ferito e dolorante, è stato immediatamente soccorso e trasportato all'ospedale locale per gli accertamenti e le cure e dimesso con una diagnosi di 7 giorni.

Sul posto sono intervenuti i militari che dopo una ricostruzione della vicenda hanno concentrato le loro attenzioni su un altro condominio poco distante.

Nell'ispezione dello stabile i carabinieri hanno rinvenuto su un terrazzo condominiale alcuni pallini di piombo per un arma ad aria compressa.

Durante la perquisizione di un appartamento di un 40enne, hanno sequestrato una carabina

calibro 4,5 mm utilizzata appunto per ferire l'operaio.

A quel punto è scattata la denuncia del feritore.

A CASERTA - Un caso simile si è verificato nel Casertano, dove un migrante originario della Guinea, di 19 anni, ha denunciato oggi ai carabinieri di San Cipriano d'Aversa di essere stato ferito al volto da un piombino.

Il ragazzo ha riportato una ferita al labbro giudicata guaribile in un giorno.

Ai militari ha raccontato che, ieri, stava rientrando al centro di accoglienza dove risiede, quando ha sentito prima il rumore di un ciclomotore e poi uno scoppio. Un attimo dopo è stato colpito da quello che ha descritto come "un piccolo piombino".

(Unioneonline/M-D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

10 commenti

  • Chiara_71 28/07/2018 18:06:27

    Chi dice che volessero colpire i migranti? Ricordo che l'anno scorso venne incendiato il furgoncino di un ambulante in Sardegna, x giorni si gridò al razzismo e invece le telecamere dimostrarono che gli incendiari erano dei balordi che avevano applicato il fuoco anche ad altri veicoli. Tutta questa propaganda nell'identificare i migranti come vittime di razzismo senza esserne sicuri in realtà nuoce più a loro che a Salvini
  • user221034 28/07/2018 03:46:56

    DUE, solo in questo articolo, ma da quando certi personaggi hanno sdoganato la caccia al migrante sono molti di più.
  • shellerau 27/07/2018 22:20:44

    Un attimo dopo è stato colpito da quello che ha descritto come "un piccolo piombino".....mi chiedo come abbia fatto a fare una descrizione così particolareggiata di un qualcosa che gli ha causato un danno guaribile in un giorno....praticamente non lo ha neanche graffiato, sarebbero stati tre giorni.......SI CAVALCA L' ONDA DELLA PICCOLA NOMADE COLPITA DA UN PIOMBINO? Qualsiasi cosa muova l' opinione pubblica diventa un' arma in mano degli opportunisti di turno
  • nopagoafitto 27/07/2018 20:25:51

    L’Italia salviniana ha un nuovo sport: il tiro al migrante o alla bambina rom. Qualcuno c’aveva già provato col tiro al pescatore indiano ma non era andata molto bene.
  • user238504 27/07/2018 17:53:56

    Le carabine ad aria compressa sono di libera vendita, ma, se modificate diventano armi letali. Questo è un delinquente che ha intenzionalmente sparato a una persona, forse solo perrchè di colore. Se lo sparo non fosse stato intenzionale si sarebbe subito reso conto dell'errore e avrebbe soccorso l'involontaria vittima, anzichè essere scovato e giustamente denunciato dai carabinieri.
  • user219559 27/07/2018 17:37:08

    Prove di legittima difesa "aumentata". D'altronde, lo sanno tutti che la miglior difesa è l'attacco...
  • Chiara_71 27/07/2018 16:53:54

    @rosalux di quali sante preghiere parla? Potrebbe citare la fonte in cui le ha lette? Piuttosto quando mai un cittadino si deve esercitare a sparare fuori dalla finestra, qualunque sia il motivo? Ma questo e' fuori di testa!
  • freedoomland 27/07/2018 16:31:56

    Questa mi e' nuova..sapevo che I migranti arrivassero via mare o dentro camion frigoriferi..sotto I semiasse dei treni.dentro scatoloni di frutta...ma che avessero comiciato a volare..!!!!! .eh no questa non me l'aspettavo..che ingenuo!!!! ... .proprio pieni di risorse sti ragazzi...complimenti
  • Druso 27/07/2018 16:04:53

    Colpa dell'operaio, ha tratto in inganno il cacciatore urbano, che mulinando le braccia, si è reso simile ad una cornacchia... o un piccione...
  • rosalux 27/07/2018 13:40:37

    Eccone un'altro. Pare che il tiro al piccione sia diventato una moda. Grazie ministro, a giudicare dai risultati sembra che le tue sante preghiere vengano ascoltate.