Cronaca » Carloforte

Bimbi contesi tra Spagna e Sardegna, Juana Rivas condannata a 5 anni

Venerdì 27 Luglio alle 16:10


Juana Rivas

È stata condannata a cinque anni di reclusione Juana Rivas.

La donna, di origini spagnole, ha portato via i due figli al compagno Francesco Arcuri, il 50enne genovese che nel 2013 si era trasferito a Carloforte per gestire con lei un B&B.

La sentenza è stata emessa da una corte iberica.

I fatti risalgono al 2016 quando la Rivas prese i figli, oggi di 12 e 4 anni, e li portò in Spagna con il pretesto di una visita alla famiglia.

Non tornò indietro, anzi, scagliò i media contro il compagno Arcuri, accusandolo di maltrattamenti in casa e diventando simbolo della lotta delle donne contro la violenza.

I giudici hanno stabilito più volte che non ci sono prove delle violenze subite da lei o dai figli, che la Rivas ha sfruttato a suo favore il tema dell'abuso, e che dunque i bambini erano stati sottratti al padre in modo del tutto illegale.

I piccoli hanno potuto riabbracciare Arcuri già un anno fa. Oggi la sentenza di condanna contro la mamma, molto criticata da politici spagnoli e attiviste.

"È un fallimento del sistema giudiziario", ha detto l'avvocato della Rivas.

(Unioneonline/D)

LA VICENDA:

 
juana rivas
Bimbi contesi tra Spagna e Sardegna, Juana Rivas in tribunale

 
l isola di carloforte dove risiedeva la coppia la centro della vicenda giudiziaria
Bimbi contesi tra Spagna e Sardegna, odissea finita: il padre riabbraccia i figli

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user214759 28/07/2018 10:12:46

    Queste sono le belle notizie che vorremmo leggere più spesso.