Cronaca » San Teodoro

San Teodoro, litigano in casa e gli stacca un orecchio a morsi

Martedì 17 Luglio alle 14:43


La caserma di San Teodoro

Non si accordavano su dove posizionare il frigorifero appena acquistato e al culmine della lite, uno dei contendenti ha staccato a morsi un pezzo di orecchio al coinquilino.

È successo nella tarda serata di ieri a San Teodoro.

Sotto accusa è finito un nigeriano di 25 anni, arrestato per lesioni aggravate dalla crudeltà.

È stata una scena surreale quella che si sono trovati davanti i carabinieri di Siniscola.

Una volta entrati in casa, i militari hanno trovato in cucina un nigeriano di 20 anni che perdeva del sangue dall'orecchio.

Soccorso, il 20enne è stato trasportato all'ospedale Giovanni Paolo II di Olbia.

Qui, è stato sottoposto a un intervento chirurgico: il frammento del padiglione auricolare destro che gli è stato staccato con un morso, è stato infatti recuperato e riattaccato dai medici.

Il 25enne è finito agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Utente_US 18/07/2018 07:21:16

    Per sistemare il tavolo e le sedie lo stato vi paga un architetto, cosi' risparmiamo sulla sanità.
  • hawai 17/07/2018 18:30:13

    Domiciliari? La violenza va sempre condannata, ma staccare l'orecchio a morsi a mio parere, va oltre........carcere e successivamente espulsione dal territorio italiano.........mi sembrerebbe il minimo.