Cronaca » Francia

Delitto Politkovskaya e caso Pussy Riot: la Corte per i diritti umani condanna Mosca

Martedì 17 Luglio alle 11:05 - ultimo aggiornamento alle 11:44


Anna Politkovskaja

La Corte europea per i diritti dell'uomo ha condannato la Russia per "non aver attuato le opportune misure investigative per identificare i mandanti dell'omicidio" della giornalista Anna Politkovskaya, avvenuto nel 2006.

"Lo Stato russo - si legge in una nota - non ha rispettato gli obblighi relativi all'efficacia e alla durata dell'indagine imposti dalla Convenzione europea sui diritti umani".

Stessa sorte per il trattamento riservato dai russi alle componenti delle Pussy Riot.

La Politkovskaya è stata uccisa il 7 ottobre di 12 anni fa nell'ascensore del suo palazzo a Mosca.

La polizia, dopo le dovute indagini, aveva ritrovato dei proiettili accanto al cadavere senza però riuscire a individuare il colpevole.

Qualche giorno dopo gli agenti sequestrarono il computer della donna che in quel periodo lavorava a un'inchiesta sulle forze di sicurezza cecene legate al primo ministro Ramsan Kadyrov.

La polizia moscovita finì dunque sotto accusa, ma nel 2009 il principale sospettato dell'insabbiamento - Sergej Chadžikurbanov - è stato assolto. La Corte europea però ha giudicato "insufficienti" gli sforzi russi per risolvere il caso.

A sinistra, Nadia Tolokonnikova, leader delle Pussy Riot
A sinistra, Nadia Tolokonnikova, leader delle Pussy Riot

E, come detto, biasimo è stato espresso dai giudici della Cedu anche per le indagini sulle attiviste anti-Putin della band Pussy Riot, arrestate nel 2012 con l'accusa di teppismo e istigazione all'odio religioso per un'esibizione non autorizzata contro il presidente russo, Vladimir Putin, accusato dalle stesse di brogli alle elezioni. Qualche giorno dopo la sentenza le aveva codannate a 2 anni di reclusione.

(Unioneonline/M)

 
nadia tolokonnikova
Pussy Riot, Nadia fermata (di nuovo) dalla polizia russa

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • dadaolta 17/07/2018 19:32:49

    Siamo in grado di fornire, senza tema di smentita, l'unica "sentenza" sul caso Politkovskaja che sarebbe scampata alla condanna della Corte di Strasburgo: "Ha stato Putin!!!" Elementare Watson! :-))))))))