Cronaca

La Diciotti attracca a Trapani, migranti pronti a sbarcare

Giovedì 12 Luglio alle 07:09 - ultimo aggiornamento alle 21:32


La nave Diciotti della Guardia Costiera italiana con 67 migranti a bordo ha attraccato al porto di Trapani.

All'imbarcazione che stava per entrare in porto in un primo momento è stato imposto il cambio di rotta con l'allontanamento in rada: forse per via dell'inchiesta in corso sui migranti che - temendo il ritorno a Tripoli - nei giorni scorsi avevano circondato e minacciato il comandante della Vos Thalassa, rimorchiatore che li aveva soccorsi prima di trasferirli a bordo della Diciotti.

Due uomini risultano indagati per la vicenda.

In seguito è stato autorizzato l'attracco, ma i 67 migranti sono rimasti a bordo dell'imbarcazione fino a sera, in attesa degli accertamenti della polizia.

Una volta completate le procedure di identificazione, gli accertamenti, fa sapere Palazzo Chigi, "proseguiranno nei prossimi giorni".

Toninelli aveva parlato di "facinorosi" e Salvini aveva invocato le manette: ma in Italia, almeno finché resterà in vigore la separazione dei poteri, gli arresti li dispone la magistratura e non il ministro dell'Interno.

A bordo della nave sono saliti uomini della Capitaneria di Porto e della Polizia di Stato per raccogliere elementi da riferire poi all'autorità giudiziaria.

Intanto al porto trapanese diversi militanti di Libera e di altre associazioni si sono riuniti per protestare - con manette e magliette rosse - contro le politiche del governo.

Due manifestanti
Due manifestanti

"Se c'è gente che ha minacciato e aggredito, non finirà in un albergo ma in galera", ha fatto sapere il vicepremier leghista Salvini, puntando il dito contro i "delinquenti, non profughi, che hanno dirottato con la violenza una nave", auspicando che "finiscano in cella e poi vengano riportati il prima possibile nei propri paesi". Insomma, prima dell'apertura del porto di Trapani, per Salvini, devono esserci i "nomi e cognomi dei finti profughi".

La Diciotti, spiega l'altro vicepremier, il pentastellato Luigi Di Maio, è "una nave italiana intervenuta in una situazione da chiarire, bisogna farla sbarcare", anche se con l'alleato leghista Salvini, "condividiamo le stesse perplessità sull'accaduto".

Condivisa, soprattutto, è la linea di governo: "I nostri porti non sono chiusi ma lo sono per quelle Ong che non rispettano regole", ha sottolineato Di Maio, usando parole simili a quelle del suo collega.

Intanto anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella segue la situazione e ha avuto un colloquio telefonico col premier Giuseppe Conte.

(Unioneonline/s.a.-L)

LE IMMAGINI

IL SINDACO: "LA NOSTRA TERRA D'ACCOGLIENZA"

 
la nave diciotti della guardia costiera italiana
Diciotti approda a Trapani. Salvini: "I dirottatori scendano in manette"

 
matteo salvini e horst seehofer
Migranti, Salvini incontra il ministro Seehofer: "Con la Germania obiettivi comuni"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • user234904 12/07/2018 23:49:48

    la maggior parte degli italiani hanno votato salvini e 5 stelle, significa che non vogliamo immigranti che siano lasciati ai libici, e inutile indossare magliette rosse, la stragranza degli italiani non vogliono africani in casa loro fatevene una ragione
  • antipolitico 12/07/2018 15:13:23

    Mamma mia è da mesi che si parla solo di migranti. che poi la maggior parte sono tutti clandestini. Ma basta!! Ma quando si torna a parlare di Italia e di problemi degli italiani? Con notizie di questi migranti tutti i giorni e a tutte le ore non vi pare che ci state un po stressando?
  • Chiara_71 12/07/2018 13:06:08

    I traffici e la mafia continuano, in un modo o nell'altro arrivano persone non identificate da tutto il mondo mentre chi ha veramente bisogno (guerre, fame) soffre lontano dagli occhi di chi potrebbe fare qualcosa. Gli altri senza centomila documenti non muovono un passo
  • livoletta 12/07/2018 10:23:06

    forse è sfuggito ricordare che su 67 ben 65 sono giovani maschi che a giudicare dalla foto sono tutt'altro che denutriti e soprattutto non sono certo siriani in fuga dalla guerra. Nel dubbio su quali siano i violenti dirottatori a bordo, li espellerei tutti in 24 ore, riaccompagnandoli fisicamente sulle coste libiche da cui sono partiti. Ma, conoscendo la magistratura italiana, ne dubito fortemente.
  • user237667 12/07/2018 08:26:53

    alla fine hanno vinto i migranti facendo un pò di chiasso....poveri noi.
  • user240269 12/07/2018 08:12:52

    Matteo, bisogna risolvere prima il problema dei profughi italiani-sardi vittime del pseudo-stato ITALIA-SARDEGNA che calpesta i diritti fondamentali degli esseri umani come in nessun altro paese al mondo. Chiedi al governo del quale fai parte di risolvere urgentemente questo problema e fino a quando non lo risolvete bloccate qualsiasi ingresso ad aspiranti profughi stranieri e mandate via gli altri presenti. I profughi locali hanno la precedenza sugli stranieri
  • Pietropaolo2 12/07/2018 07:57:55

    Spero solo che vengano giudicati e poi espulsi. e che il magistrato rosso di turno non sentenzi che hanno diritto a fare, dire tutto ciò che vogliono rtanto son migranti,,,,,, come spesso son soliti fare
  • SpartacusVin 12/07/2018 07:32:17

    i portatori di magliette rosse se li dovrebbero mettere in casa questi criminali, altro che profughi che scappano dalla guerra. viva Salvini, continua a liberarci da questa calamità