Cronaca » Provincia di Massa-Carrara

Luca, 37enne schiacciato a morte da un blocco di marmo: aveva un contratto di 5 giorni

Mercoledì 11 Luglio alle 16:05 - ultimo aggiornamento alle 21:39


Un operaio di 37 anni, Luca Savio, è stato schiacciato da un blocco di marmo ed è morto per i traumi riportati.

È successo questa mattina in un deposito di marmi a Marina di Carrara: secondo una prima ricostruzione dell'accaduto l'operaio - dipendente di una ditta di autogru - è stato colpito da un blocco di marmo che era già stato scaricato e posizionato sul terreno. Per cause ancora da chiarire il blocco si è mosso colpendo fatalmente l'operaio al torace.

I soccorritori hanno tentato invano di rianimarlo per oltre mezz'ora. Molte cave, in segno di lutto, hanno subito sospeso il lavoro.

Luca lascia la moglie e un figlio piccolo.

"La tragedia di oggi è indice del fallimento di un'intera comunità", attacca la Cgil, che denuncia come l'uomo avesse un contratto di lavoro attivato il 6 luglio e della durata di soli 5 giorni. "Un ragazzo di 37 anni ha perso la vita per un contratto di lavoro di soli 5 giorni".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • isbremis 11/07/2018 21:07:24

    il contratto di 5 giorni non ha colpa di niente..se non lo avesse avuto sarebbe stato peggio. almeno era assicurato.
  • user226490 11/07/2018 19:32:18

    Questa è oggi l Italia
  • waluss01 11/07/2018 18:09:16

    La cosa certa è che così non andiamo per niente bene altro che reclamizzare il mezzo punto di PIL di presunta crescita ed ospitare forzatamente 5 milioni di clandestini. Occupiamoci dei nostri ragazzi non obbligandoli ad emigrare, diamo possibilità e condizioni di lavoro decenti per i nostri operai, creiamo infrastrutture nuove che danno lavoro e benessere alla nostra nazione portando ad esempio più turisti ma anche investimenti stranieri quelli veri non solo profughi e disperazione.
  • waluss01 11/07/2018 18:06:05

    Abbiamo una coscienza civile che rasenta la deliquenzialità, infrastrutture da terzo mondo, le nostre forze dell' ordine malpagate e mal equipaggiate, abbiamo un' organizzazione turistica che potrebbe e dovrebbe essere il fiore all' occhiello del nostro paese. Per esempio, potremmo avere molti più hub areoportuali, una rete ferroviaria adeguata e non obsoleta, trascuriamo in modo palese il nostro enorme patrimonio artistico .... potrei continuare con l' elenco. % segue
  • kendred74 11/07/2018 17:08:29

    è una tragedia assurda; non è giusto però strumentalizzare, il conratto di lavoro di 5 giorni non uccide nessuno, la mancanza del rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro invece si. Ovviamente chi di dovere appurerà chi ha mancato e in che parte.