Cronaca » Italia

Assegno di divorzio, la Cassazione: "Tenere conto del tenore di vita e del contributo alla famiglia"

Mercoledì 11 Luglio alle 14:26


La Corte di Cassazione

"L'assegno di divorzio deve attribuirsi una funzione assistenziale e, in pari misura, compensativa e perequativa".

Per questo, per deciderne l'entità "si deve adottare un criterio composito" che tenga in considerazione "le rispettive condizioni economico-patrimoniali" e "dia particolare rilievo al contributo fornito dall'ex coniuge" al "patrimonio comune e personale, in relazione alla durata del matrimonio, alle potenzialità reddituali future e all'età".

Lo hanno stabilito le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione, risolvendo un contrasto di giurisprudenza, sorto con la sentenza del maggio dell'anno scorso, la 11504/17, con cui il supremo organo giudiziario ha disposto nuovi parametri per stabilire l'entità dell'assegno di mantenimento in caso di divorzio, secondo cui doveva essere preso in considerazione il criterio dell'indipendenza o autosufficienza economica del coniuge più debole e non il tenore di vita avuto durante il matrimonio.

Il parametro da utilizzare, secondo la sentenza, "si fonda sui principi costituzionali di pari dignità e di solidarietà che permeano l'unione matrimoniale anche dopo lo scioglimento del vincolo".

La decisione sottolinea poi che "il contributo fornito alla conduzione della vita familiare costituisce il frutto di decisioni comuni di entrambi i coniugi, libere e responsabili, che possono incidere anche profondamente sul profilo economico patrimoniale di ciascuno di essi dopo la fine dell'unione matrimoniale".

(Unioneonline/F)

 
immagine simbolo
Assegno di mantenimento tra ex: per chi non paga può scattare il carcere

 
immagine simbolo
Divorzio, rivoluzione per gli alimenti: non conta più il tenore di vita

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Sorigumaccu 11/07/2018 18:43:07

    Uno deve dare assistenza al non più coniuge? E che che divorzio sarebbe? Quando scrissero la costituzione il divorzio non era previsto, quindi qualunque decisione potrebbe essere considerata anticostituzionale