Cronaca » Bruxelles

Migranti, oggi il vertice a Bruxelles. Merkel: "Coalizione di volontari"

Giovedì 28 Giugno alle 08:03 - ultimo aggiornamento alle 14:11


Alle 15 si aprirà, a Bruxelles, il Consiglio europeo che dovrà affrontare il nodo migranti e superare il regolamento di Dublino.

Al tavolo l'Italia si siede pronta a giocarsi la carta estrema del veto, se non verrà messo nero su bianco che tutti i Paesi dovranno condividere la responsabilità dei salvataggi in mare dei migranti.

Il premier Giuseppe Conte, riferendo in Parlamento prima di partire per Bruxelles, lo ha detto chiaramente: "Sui migranti sono in gioco i valori dell'Europa unita".

E sulla questione migranti interviene anche il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk: "Occorre proteggere i confini esterni dell'Unione, creando 'piattaforme' regionali fuori dall'Europa", è questa la sua proposta alla vigilia di un summit che si preannuncia difficilissimo.

Una proposta che sembra andare verso le posizioni del governo italiano, scontentando invece l'asse Francia-Germania-Spagna, che insiste sulla creazione di hotspot chiusi.

Ma Roma non è d'accordo e minaccia di non approvare le conclusioni del vertice se, viene fatto sapere, non verrà inserito esplicitamente un punto sulla condivisioni di responsabilità nel salvataggio e l'accoglienza dei migranti, cioè i cosiddetti movimenti primari.

Di fatto, confermano fonti dell'Ue, la riforma del regolamento di Dublino è ormai tramontata. Non c'è l'accordo, non c'è nemmeno la maggioranza per portarla avanti: e invece l'intenzione è quella di provare a lavorare al consenso ampio su un'opzione 'sistemica' che bilanci responsabilità e solidarietà e consenta di dare risposta alla crisi migratoria.

Si punta dunque alle piattaforme extraeuropee con l'obiettivo dichiarato "di fermare il modello di business dei contrabbandieri, è il modo più efficace per fermare i flussi e porre fine alla tragica perdita di vite in mare".

LA PROPOSTA DI MERKEL - Passando alla Germania, la maggiore preoccupazione di Angela Merkel pare sia quella di bloccare i cosiddetti "secondary movement" dei migranti, quelli interni ai Paesi Ue, e di rispedire quelli che si sono trasferiti in Germania nei Paesi di prima accoglienza.

La Cancelliera punta a una "coalizione di volontari" tra i 28 Paesi Ue che concludano accordi per far tornare i migranti nel primo Paese in cui sono stati registrati: "Non è una soluzione perfetta, ma è un inizio", ha affermato al Bundestag.

(Unioneonline/s.a.)

 
l arrivo della nave al porto de la valletta
Lifeline attracca a Malta: 234 migranti divisi tra 8 Paesi, il no della Germania

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • user214759 28/06/2018 19:48:46

    Questi tedeschi e questa merkel vogliono sempre comandare. Una bella sbruncata (come quella che si sono presi ieri in russia) non sarebbe male.
  • stefanop 28/06/2018 12:42:42

    @Prometeo59 mi sa che sulla 2°guerra mondiale hai le idee un po confuse... Le firze che sono al potere oggi in Germania sono quelle che attaccarono l'Asse e la libertà dei suoi popoli. Chiamasi CAPITALISMO. In ogni caso bisogna imporsi, ognuno a casa propria e possibilmente uscire da UE e Nato il prima possibile, riprendersi la sovranità politica e monetaria e decidere autonomamente per il proprio paese. Ma non sarà di certo questo governo a farlo...
  • GOLORITZE 28/06/2018 11:31:46

    Prometeo59 28/06/2018 09:12:59 io personalmente più che cercare le responsabilita della Germania, cercherei gli stati che hanno causato la attuale situazione il Libia, Francia e Gran Bretagna
  • user240269 28/06/2018 10:55:22

    Bisogna bloccare le partenze, ergastolo per chi prova a farle ripartire, per chi lucra sui migranti e per chi illude che in Europa c'è il paradiso. Riversare i costi dell'invasione su chi l'ha voluta e promossa. Azioni immediate per aiutare i sardi-italiani-europei disperati e per aiutare i paesi poveri del mondo a risollevarsi e garantire dignità a tutti a casa propria.
  • waluss01 28/06/2018 10:55:10

    Si dovrebbe anche parlare di come identificare, informare e piano piano riportare nei loro paesi quelle centinaia di migliaia di clandestini già presenti sul nostro territorio dei quali la stragrande maggioranza non è affatto scappata dalla guerra. Uomini sopratutto che vagano come fantasmi per l' Italia senza meta. Dunque non solo bloccare i flussi ma anche gestire questa enorme massa di clandestini incensiti che sono evidentemente molti di più di quanto ci vogliono far credere.
  • waluss01 28/06/2018 10:45:56

    Sintetizzando al massimo si dice che Germania abbia favorito ed orchestrato assieme a non meglio precisate lobby finanziarie e con l' avvallo dei francesi e tacito di altri paesi europei, l' invasione di profughi e clandestini dell' Italia impoverendola. Perchè un paese nell' incertezza e nel caos continuo è più facile da controllare ed anche da sfruttare. Questo disegno di invasione con gli attuali stimati 5 milioni di clandestini nella nostra penisola è purtroppo ben riuscito.
  • Prometeo59 28/06/2018 09:12:59

    La Germania fa la padrona della UE. Dopo il tentativo fallito di sottomettere l'Europa col secondo conflitto mondiale, ora la sottomette politicamente ed economicamente. Europa ribellati.