Cronaca » Messico

Firmato l'ordine esecutivo, Trump riunisce le famiglie dei migranti

Mercoledì 20 Giugno alle 07:52 - ultimo aggiornamento alle 22:29


Trump mostra il provvedimento appena firmato

Donald Trump, dopo le polemiche, ha firmato l'ordine esecutivo che ferma la separazione dei bimbi dai genitori che varcano il confine illegalmente. "Non mi piaceva vedere le famiglie separate", ha detto il presidente Usa nell'annunciare la firma.

Trump aveva già annunciato nel pomeriggio che avrebbe preso provvedimenti.

Domani la Camera statunitense voterà su questo tema intorno al quale nelle scorse ore si sono scatenate le polemiche in tutto il Paese.

Al centro della discussione il giro di vite contro l'immigrazione clandestina attuato dal governo americano, che prevedevano la sottrazione dei minori ai genitori entrati illegalmente nel Paese.

Proteste sono state messe in atto dalle associazioni per i diritti umani, negli Usa e non solo, e gli esponenti del partito democratico hanno promesso battaglia.

Non solo: anche la first lady Melania si è espressa senza mezzi termini contro la politica attuata dal marito, definendo la prassi della separazione delle famiglie "odiosa".

E ora, dopo la diffusione di foto e video che ritraggono scene struggenti e bambini tenuti in gabbia e dopo che gli States hanno deciso di ritirarsi dal Consiglio per i Diritti umani dell'Onu, è arrivata anche la condanna di Papa Francesco.

Che, in un'intervista alla Reuters, ha definito "immorale" e "contraria ai nostri valori" la separazione coatta delle famiglie da parte dello Stato.

Il Pontefice ha anche colto l'occasione per criticare i cosiddetti "populismi".

"Non è facile - le sue parole - ma non sono la soluzione".

E voci di biasimo nei confronti di Washington si sono levate anche all'interno del Partito repubblicano che detiene la maggioranza nel Parlamento Usa.

Mitch McConnell, capogruppo del Gop alla Camera, aveva annunciato l'intenzione di presentare al più presto una legge in materia.

E qualcuno ci ha messo direttamente la faccia. Come Lisa Murkowski, senatrice Gop dell'Alaska, che ha dichiarato che il governo dovrà mettere fine alla "crudele e tragica" separazione dei piccoli dalle loro madri alla frontiera sud.

(Unioneonline/l.f.)

 
Bimbi messicani strappati ai genitori, l'Onu (e Melania) contro Trump

TEXAS, IL PIANTO DEI BAMBINI:

LE PROTESTE A PHILADELPHIA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • efferre 21/06/2018 01:07:41

    In sardegna sono gli stessi vecchi ed onesti lavoratori senegalesi che si lamentano dei nuovi immigrati senegalesi
  • Chiara_71 20/06/2018 19:33:16

    L'italiano tradizionalmente si trova dove c'e' lavoro, si integra senza problemi e non vive coi sussidi ne' creando disordini sociali. Certo ci sono le eccezioni (la mafia esportata negli USA esempio) ma il marcio (o il buono) c'e' ovunque. In questo caso pero' il problema sono i bambini tolti alle famiglie, x me ripeto, non c'e' nessuna giustificazione. Neppure in carcere tolgono i bimbi alle mamme
  • Utente_US 20/06/2018 17:44:02

    Finchè lavorano non li butteranno fuori, proprio perchè l'italiano lavora e sa lavorare.
  • sardinia 20/06/2018 16:40:48

    Questo andazzo nel quale sta precipitando il mondo intero, specie quello cosiddetto "civile", non mi piace per niente. Senza entrare nel merito del diritto dei "migranti" di poter entrare in uno Stato straniero per uscire dalla "miseria" del Paese dove nasce, talvolta mi nasce una strana idea: COME REAGIREMMO NOI ITALIANI, notoriamente "brava gente", se tutti gli Stati del mondo buttassero fuori subito lo sterminato numero di milioni di connazionali che vi lavorano? Mario Sconamila
  • Chiara_71 20/06/2018 11:15:36

    Non si puo' permettere una cosa simile, va decisamente contro ogni umanita', respingere i genitori ok se non hanno diritti ma non trattare le persone in modo disumano