Cronaca » Messico

Bimbi messicani strappati ai genitori, l'Onu (e Melania) contro Trump

Lunedì 18 Giugno alle 07:41 - ultimo aggiornamento alle 20:04


Melania Trump "odia" vedere i bambini separati dalle loro famiglie alla frontiera tra Usa e Messico.

Hanno tutta l'aria di essere una frecciata al marito Donald le dichiarazioni della first lady americana, riportate dalla portavoce Stephanie Grisham, sulla linea dura adottata da Washington nei confronti dell'immigrazione clandestina.

Provvedimenti giudicati "inaccettabili" anche dalle Nazione Unite.

Secondo gli ultimi dati tra aprile e maggio circa 2.000 bimbi messicani sono stati separati dai loro genitori dopo aver oltrepassato la frontiera illegalmente, in ossequio alla nuova politica di "tolleranza zero" adottata dal governo statunitense per scoraggiare l'arrivo di migranti da sud.

Un giro di vite che sta suscitando clamore, innescando anche un aspro dibattito politico.

Ora - a gettare altra carne sul fuoco delle polemiche - arrivano le parole della consorte di The Donald.

La first lady, ha aggiunto la sua portavoce ai microfoni della Cnn, "crede che dobbiamo essere un Paese che segue tutte le leggi, ma anche un paese che governa con cuore".

Una dura condanna nei confronti del giro di vite dell'amministrazione Trump è arrivata anche da Laura Bush, moglie dell'ex presidente repubblicano George W., secondo la quale la politica messa in campo da Washington è "crudele" e "immorale".

"Le immagini dei piccoli separati dalle madri - ha affermato miss Bush - ricordano i campi di internamento americani giapponesi della Seconda guerra mondiale, ora considerati uno degli episodi più vergognosi della storia degli Stati Uniti".

E mentre infuria la polemica, dalla frontiera Usa-Messico arriva la notizia di un tragico incidente, che ha visto coinvolti proprio alcuni migranti.

È accaduto in Texas, dove cinque persone, nel corso di un inseguimento in auto con la polizia di confine, sono finite fuori strada, perdendo la vita.

(Unioneonline/l.f.)

 
Texas-choc: "Piccoli immigrati tenuti in gabbia"

 
Usa-Messico: così Donald ha separato 2mila bimbi dai genitori

MELANIA TORNA IN PUBBLICO - VIDEO:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • wing1250 18/06/2018 18:16:16

    insomma, alla fine in uno stato serio prevale l'interesse dello stato . altrimenti bisognerebbe dire che sei un clandestino fino a chenon fai figli, dopo i quali liberi tutti. non è così , se sei clandestino ti tratto da clandestino, figli, nipoti o zie . per non parlare delle nonne.
  • Chiara_71 18/06/2018 12:26:08

    Ma che bisogno c'è di separare i bambini dalle famiglie? Credo che questo vada contro qualunque regola di tutela dell'infanzia
  • mariusIOAN 18/06/2018 09:52:34

    La ricongiunzione delle familie, se è questo che si auspica e la si vuole, si può fare benissimo anche in Messico e non necessariamente ed esclusivamente negli Stati Uniti...