Cronaca » Provincia di Treviso

Da Treviso a Raqqa per unirsi all'Isis, ora è pentita: "Fatemi tornare a casa"

Mercoledì 13 Giugno alle 20:35


Miliziani dell'Isis

Aveva 20 anni quando è fuggita da Onè di Fonte, paesino del Trevigiano: voleva unirsi all'Isis, vivere in uno Stato "giusto", che seguisse i principi dell'Islam.

Ma ora ha cambiato idea e vuole tornare a casa, pur sapendo che è molto difficile.

Il Corriere del Veneto racconta la storia di Sonia.

Fuggita in Turchia, si è sposata e poi grazie a un passeur (un trafficante di uomini) è riuscita con il marito a superare il confine siriano a piedi: poi ha raggiunto in auto Raqqa, ai tempi roccaforte dello Stato Islamico in Siria.

"Mi sono subito resa conto che non era come mi aspettavo, non era un mondo perfetto e giusto dove si viveva secondo le regole del Corano. Ma si basava su violenza ed estremismo. A quel punto avrei voluto tornare a casa, ma rischiavo la vita anche solo a pensarlo", racconta Sonia.

Crede ancora nell'Islam e indossa il burqa, ma non più nell'Isis: "Daesh ama il sangue, uccidere la gente, non si ferma di fronte a nulla. In tanti si sono resi conto di cosa fosse l'Isis solo quando sono arrivati in Siria. Quello che avete visto nei video pubblicati sul web è tutto vero".

C'è un piccolo problema, nell'Isis si entra, ma una volta entrati uscirne è praticamente impossibile.

Così Sonia, che nel frattempo ha avuto due figli e si è vista uccidere il marito da un drone, è stata costretta a fare buon viso a cattivo gioco.

Ora che Bashar al Assad e Vladimir Putin si sono ripresi la ex roccaforte dello Stato Islamico, Sonia si trova in un campo di prigionia siriano con altre mogli di uomini del Califfato.

E vorrebbe tornare a casa: "Ho due figli, devo pensare al loro futuro e vorrei tornare a casa mia, ma non so se sarà possibile".

Pare che i genitori non vogliano più avere a che fare con lei: "Non volevano che partissi, mio padre ha fatto di tutto per farmi cambiare idea, ma non ci è riuscito. Ho provato a cercarli, a chiamarli, ma non ho mai ottenuto risposte".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • efferre 13/06/2018 23:42:10

    Rimani dove sei andata a combattere...in prigione...
  • user212991 13/06/2018 23:13:16

    Ciao,grazie. Buona permanenza in prigione.
  • Chiara_71 13/06/2018 22:32:37

    Purtroppo molte ragazze europee sono state abbindolate dall'Isis ma come ci si può fidare e farle tornare? E se invece fossero ancora seguaci del califfato?
  • Peppa_Piga 13/06/2018 22:08:21

    Doppio gioco, mai fidarsi di simili esseri