Cronaca » Provincia di Milano

Ironie in chat sulla direttrice, l'asilo "espelle" i figli della donna

Venerdì 08 Giugno alle 10:49 - ultimo aggiornamento alle 13:14


Una bimba di 4 anni è stata espulsa dalla scuola materna che frequentava e il fratello di 2 anni cancellato dall'elenco dei futuri iscritti dopo che la madre dei due bimbi ha scritto un commento giudicato eccessivo sulla chat di WhatsApp dei genitori dell'istituto.

La vicenda - raccontata dal "Corriere della Sera" - è avvenuta in un asilo privato di Milano.

Secondo quanto riporta il giornale, il depennamento dei due bambini è stata comunicato attraverso una raccomandata dall'avvocato della scuola con la formula del "recesso per giusta causa" perché la donna non avrebbe rispettato alcuni articoli del contratto di iscrizione per aver scritto alcuni apprezzamenti poco lusinghieri sulla coordinatrice della scuola.

Tra questi la frase "Ma dai, chi vuoi che se la pigli...". Parole che sono state comunicate all'istituto, che ha deciso di prendere provvedimenti "per tutelare l'onorabilità e l'immagine della coordinatrice".

Ora la famiglia sta valutando possibili azioni legali.

Intanto il deputato leghista Daniele Belotti ha presentato una richiesta di chiarimenti all'Ufficio scolastico regionale "per trattamento ritorsivo e spropositato".

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • Brent 08/06/2018 21:53:33

    Giustissimo, la scuola è un'istituzione e come tale non si può denigrare, perché se manca il rispetto tra famiglia e insegnanti tutto il progetto educativo fallisce, le persone non hanno capito che non puoi scrivere su internet tutto quello che ti pare e piace perché è come una piazza virtuale, prima o poi tutti i pettegolezzi vengono a galla, se la mamma avesse semplicemente chiesto scusa sono sicura che i figli sarebbero stati riammessi
  • user224103 08/06/2018 20:34:46

    E' proprio tanta la voglia di litigare.
  • Chiara_71 08/06/2018 16:49:14

    Anche x me e' un provvedimento spropositato, ironia di cattivo gusto ma non offensiva
  • Pietropaolo2 08/06/2018 15:23:09

    La scuola in questione è privata, le regole non sono state rispettate, che problema c'è ?? che si cerchi un altro asilo... ed il deputato leghista dovrebbe occuparsi di cose più importanti per la collettività e non di vicende private su cui può serenamente giudicare il palazzo d giustizia....