Cronaca » Sardegna

Sanità sarda, "una disperazione senza precedenti". Mozione in Consiglio regionale

Mercoledì 06 Giugno alle 14:53


Una mozione sullo "stato disastroso" della sanità sarda è stata presentata in Consiglio regionale da Michele Cossa, Attilio Dedoni e Luigi Crisponi, dei Riformatori, e sottoscritta poi da altri consiglieri.

"Gli ospedali che scoppiano, le liste d’attesa lunghissime e il gravissimo disagio in cui lavorano gli operatori della sanità sono lo specchio dell’interminabile serie di errori fatta da questa Giunta, che ha accettato supinamente i tagli dei fondi statali e l’obbligo del pareggio di bilancio, senza avere la più pallida idea delle conseguenze che questo avrebbe comportato per la nostra sanità", spiegano i firmatari.

"In questi quattro anni e mezzo - dicono i Riformatori - ci sono stati soltanto roboanti proclami e finte riforme, che hanno tentato di mascherare l’unica azione condotta per davvero: caos organizzativo, demotivazione degli operatori e crollo qualitativo e quantitativo delle prestazioni, che i sardi pagano ogni giorno sulla propria pelle".

"La vera tragedia - concludono - è che la sanità sarda affonda nel dramma quotidiano dei cittadini che non trovano risposta ai loro bisogni di salute".

(Unioneonline/s.s.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Chiara_71 06/06/2018 15:38:28

    Questo e' un problema grossissimo che affligge la Sardegna e che spero possa essere risolto il piu' presto possibile perche' niente e' piu' importante della salute