Cronaca » Tempio Pausania

Inchiesta sulle ville all'asta: annullata la sospensione al giudice Di Giacomo

Mercoledì 06 Giugno alle 09:26 - ultimo aggiornamento alle 13:28


La sede della Cassazione a Roma

Colpo di scena nell'inchiesta sulle aste giudiziarie del Tribunale di Tempio.

La Cassazione ha infatti annullato la misura di sospensione del giudice Alessandro Di Giacomo.

La decisione è arrivata alle 2 della notte scorsa, alla fine di una lunga camera di consiglio.

La Suprema Corte ha accolto le richieste del penalista Giandomenico Caiazza.

Di Giacomo è accusato, insieme ad altre dieci persone (tra le quali la presidente della Corte d'Appello di Cagliari, Gemma Cucca) di una presunta turbativa d'asta che avrebbe "inquinato" la vendita di una villa appartenuta imprenditore Sebastiano Ragnedda.

L'ordinanza di sospensione (per un anno, richiesta dal pm di Roma, Stefano Rocco Fava, firmata dal gip Giulia Proto) non ha superato l'esame della Cassazione.

Ora il fascicolo torna al Tribunale del Riesame di Roma. Di Giacomo ha sempre respinto tutte le accuse.

LA VICENDA:

 
foto a sinistra la ressa davanti all entrata di uno dei giudici indagati al tribunale di tempio (foto grande)
Tempio, inchiesta sulle vendite giudiziarie: indagati giudici e avvocati

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • R-B 06/06/2018 14:24:04

    Una mano lava l'altra. Sempre. Nel lavandino, naturalmente.