Cronaca » Lussemburgo

Migranti, anche l'Italia boccia la revisione di Dublino: ecco cosa prevede

Martedì 05 Giugno alle 15:11 - ultimo aggiornamento alle 16:14


Si spacca il fronte mediterraneo davanti alla riforma del Principio di Dublino, in discussione oggi a Lussemburgo.

Italia in prima fila, e poi Spagna, Austria, Romania, Ungheria, Slovenia e Slovacchia hanno detto no alla proposta della presidenza bulgara sul ricollocamento migranti nel sistema Ue.

Tra i punti più controversi dell'ultima versione di Dublino, "Dublino III", ci sono le direttive per cui è al Paese di primo ingresso che vanno inoltrate le richieste di asilo. Un aspetto che naturalmente è problematico per Stati geograficamente più esposti, come il nostro o come la Grecia, soprattutto con l'aumento dei flussi degli ultimi anni.

I disegni di riforma prevedono di fissare un meccanismo automatico di ripartizione che possa sostenere questi Stati, con relative sanzioni per chi non rispetta le regole.

Ebbene, il primo testo elaborato dalla Commissione fissava la quota massima di accoglienza per ciascun Paese al 150%, calcolata sulla base della popolazione e del Pil prodotto, e una penale di 250mila euro per chi rifiuta.

LA RIFORMA BULGARA - La proposta è passata alla Camera, ma ora il Consiglio Ue - presieduto per questo semestre dalla Bulgaria - ha messo sul tavolo un compromesso che non piace affatto al neoministro dell'Interno Matteo Salvini, oggi assente in Aula perché impegnato con la fiducia del governo Conte.

In sostanza, nel disegno, si punta più alla responsabilità di chi accoglie che alla solidarietà di chi deve aiutare. Una prima modifica riguarda il meccanismo di redistribuzione, che sarebbe su base volontaria quando un Paese raggiunge il 160%, ed è obbligatoria solo oltre il 180%. I bulgari hanno inoltre proposto di abbassare la multa per chi rifiuta di prendersi carico dei richiedenti asilo, da 250mila euro a 30mila.

E, infine, si chiede al Paese di primo ingresso di occuparsi dello status del migrante per almeno dieci anni: è la cosiddetta "responsabilità stabile", che Italia, Cipro, Malta, Spagna e Grecia hanno chiesto ridurre a 2 anni.

IL NO ANCHE DELLA GERMANIA - "Siamo aperti ad una discussione costruttiva ma non pronti ad accettarla nella sua attuale forma", ha dichiarato il sottosegretario tedesco Stephen Mayer: "Non è solo l'Italia ad essere contraria, in altri Paesi c'è un'opposizione ancora più forte".

L'obiettivo era quello di arrivare ad una riforma del sistema di Dublino entro la fine della presidenza bulgara, cioè entro il Consiglio Europeo di fine giugno.

Ma l'impresa appare complicata.

(Unioneonline/D)

 
matteo salvini durante il comizio a fiumicino
Salvini: "Con Orban cambieremo le regole dell'Europa"

 
matteo salvini
Salvini contro i migranti "galeotti": e Tunisi convoca l'ambasciatore

 
matteo salvini a pozzallo
Migranti, Matteo Salvini in Sicilia: "Non siamo un campo profughi"

SALVINI: "STOP AI CLANDESTINI"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • user221034 06/06/2018 02:19:11

    "Il fronte dell'Est - Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia - hanno rifiutato o opposto forti resistenze al tentativo della Commissione Ue di imporre quote di accoglienza nel 2015 in modo da alleviare la pressione su Italia e Grecia. " Autogol di Salvini, fa lo sborone e si chiude la porta alle spalle appena uscito di casa! Mi ricorda quei tali nazistelli cagliaritani che andarono in Germania a un convegno di naziskin e vennero corcati di botte perché meridionali! :D :D :D
  • user221034 06/06/2018 00:05:05

    Quello che non si dice è che poi arriverà l'Austria che bloccherà tutto e dirà al genio italiota "cxxxi tuoi"! L'importante è fare un po' di scena per i boccaloni ;)
  • quintimoro 05/06/2018 22:24:58

    La penale di 250.000€ poi.., non sarebbero neanche soldi che dovrebbero pagare, ma, ai quali rinunciare visto che questi Paesi ricevono miliardi e miliardi di aiuti dagli altri, Italia compresa. Già solo vedere che questi vorrebbero ridurre i mancati incassi a 30.000€ la dice lunga sul loro modo di pensare e la loro voglia di mostrare solidarietà a chi come noi è, volente o nolente, costretto, questa solidarietà a darla nonostante tutti i problemi che essa importa.
  • SET29ECO 05/06/2018 21:21:48

    Ovviamente la multa proposta va moltiplicata per il numero dei rifugiati nion accolti tra quelli spettanti in base alle regole di distribuzione. Quindi. per fare un esempio se si trattasse di 6000 rifugiati la multa sarebbe 1 mld di Euro. 1
  • user219441 05/06/2018 17:33:02

    30.000 euro di multa... a una nazione? una inizia... mi sembra una follia solo proporlo. spero che il buon conte con salvini gli risponda PICCHE e chiuda i porti. i tedeschi salvano i "migranti", i tedeschi li ospitano, gli spagnoli salvano, gli spagnoli ospitano, etc etc...
  • user219208 05/06/2018 17:14:15

    Furbi stile bulgari...si sono fatti la legge ad hoc ! Mentre a noi italiani una bella dose di vaselina e via!