Cronaca » Provincia di Nuoro

Nuoro, scoperta la "filiera della contraffazione"

Sabato 26 Maggio alle 10:14


Maxi operazione della Guardia di finanza di Nuoro denominata "Cherry Picking": le Fiamme gialle hanno scoperto una vera e propria "filiera della contraffazione" con l'individuazione di persone che vendevano su internet oggetti con marchi contraffatti attraverso l'uso di Facebook.

Distribuiti su tutto il territorio nazionale, si rifornivano in Italia e all'estero; per piazzare la merce, invece, avevano creato dei gruppi chiusi sul social network, al fine di impedire infiltrazioni da parte delle forze dell'ordine.

Gli ordini avvenivano con WhatsApp, mentre la consegna con i corrieri tradizionali.

Le perquisizioni sono avvenute non solo nel Nuorese e in altre zone della Sardegna ma anche in circa 20 località della penisola.

I finanzieri hanno sequestrato oltre 300 prodotti contraffatti e segnalato 21 persone per ricettazione, introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

Le indagini proseguono per risalire agli acquirenti.

(Unioneonline/s.s.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • be 26/05/2018 13:23:16

    basta farsi un giro nel largo carlo felice a cagliari e di falsi ne trovano a tonnellate
  • user216558 26/05/2018 11:42:19

    Il sequestro di 300 prodotti falsi mi sembra abbastanza modesto.Penso che se la guardia di finanza facesse una retata la sera al cavalluccio di Cagliari l'esito sarebbe decisamente superiore, visto e considerato che li si vendono scarpe,borse ed accessori di tutti i marchi piu' prestigiosi senza nessun problema.Ne gioverebbe tra l'altro l'economia del paese,visto e considerato che e' tutta vendita in nero.