Cronaca » Germania

Germania, duro attacco di Der Spiegel all'Italia: "Scrocconi aggressivi"

Venerdì 25 Maggio alle 20:33


Il settimanale tedesco Der Spiegel torna ad occuparsi dell'Italia, e sul sito compare un durissimo attacco nei confronti del nostro Paese, definito senza mezzi termini "scroccone".

"L'Italia non è una nazione povera", scrive nel suo articolo il giornalista Jan Fleischhauer, commentando i programmi del nascente governo gialloverde.

Ma il suo non è solo un attacco all'esecutivo che sta formando Giuseppe Conte con Salvini e Di Maio, nel mirino c'è anche il governatore della Bce Mario Draghi: "Come si può definire uno Stato che prima chiede qualcosa per farsi finanziare il suo proverbiale 'dolce far niente' e poi minaccia se deve rientrare dal debito? Scroccone".

E non solo, Der Spiegel rincara: "Scrocconi aggressivi". Perché "i mendicanti almeno dicono grazie, quando si dà loro qualcosa".

"Siamo al ricatto", prosegue l'articolo, in cui si afferma che "rispetto alla questione italiana quella greca è una bazzecola".

Perché "se gli italiani decidono di non voler assolvere ai loro pagamenti, per l'euro è la fine e la Germania perderà tutti i soldi impegnati per salvarlo".

Poi si passa a Mario Draghi, è lui secondo i tedeschi ad aver fornito "l'arma che l'Italia punta contro i suoi vicini".

Era Draghi che "ridicolizzava i timori tedeschi mentre svalutava le loro assicurazioni sulla vita e i loro risparmi". Con il suo "whatever it takes", quando - nel momento peggiore della crisi - parlava di salvataggio dell'euro a "qualunque costo", in realtà "faceva riferimento a Roma i cui titoli di Stato, per un valore di 390 miliardi, sono ora in mano alla Bce che salva l'Italia dall'insolvenza".

L'editoriale si chiude così: "Io non ho nulla contro persone che vivono al di sopra delle loro possibilità. Per me l'Italia può continuare a praticare l'evasione fiscale come sport nazionale. Ma trovo incomprensibile che si vogliano addossare i costi delle proprie decisioni politiche ad altri che della politica hanno un'altra concezione".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

18 commenti

  • amilcare 01/06/2018 17:30:44

    Il problema non sono i tedeschi, ma gli italiani che danno ragione ai tedeschi. Sappiate che nel 1953 l'Europa, compresa l'Italia e la Grecia, abbuonò il 50% dei debiti di guerra alla Germania, sia della prima che della seconda guerra mondiale. Erano 23 miliardi di dollari di allora. Alla eventuale riunificazione la Germania avrebbe pagato il restante 50%, ma nel 1990 il cancelliere Kohl si rifiutò di pagare perchè altrimenti sarebbe stato default. A chi difende i tedeschi: studiate la storia.
  • user234179 01/06/2018 12:31:10

    nicogs se sei sardo ti dovresti vergognare a difendere questi barbari scrocconi di crucchi, visto che ci rubano la sabbia dalle nostre spiagge per poi rivenderla su internet.
  • rosalux 27/05/2018 13:36:55

    Non è la prima volta che questo"signore"tedesco da dei giudizi pesantissimi ed offensivi su di noi. Infatti è lo stesso che, parlando del naufragio della Concordia, scrive""Mano sul cuore, ma vi sorprendete che il comandante della sciagura fosse un italiano? Vi potete immaginare che manovre del genere e poi l'abbandono della nave vengano decise da un capitano tedesco o britannico?" e poi prosegue con altri insulti di vario genere.
  • Ostinato 26/05/2018 22:45:13

    Il nazismo c'entra ben poco; non dimentichiamo che i cosiddetti "luoghi comuni" non nascono dal nulla e se abbiamo questa nomea, beh almeno un po' ce la siamo meritata. L'Italia è uno dei Paesi che registra il maggior numero di assenteisti, truffe ai danni delle assicurazioni, evasione fiscale, corruzione nella pubblica amministrazione e via discorrendo. La Germania non dimentichi però che se cadiamo noi loro seguono a ruota per il megacredito che vantano nei nostri confronti.
  • Esorcista 26/05/2018 19:40:16

    Il Signor Jan Fleischhauer, con la violenza tipica di certi progenitori del suo popolo, generalizza le sue considerazioni senza riguardo per i milioni di italiani che operano quanto e meglio di lui. Come è doveroso considerare che non tutti quei progenitori erano mostruosi criminali, il Signor Jan Fleischhauer deve civilmente contenere l’arroganza delle sue dichiarazioni. Eccome c’entra il passato: da lì viene la mentalità sua.
  • user220836 26/05/2018 12:57:52

    Ammesso e non concesso, che tutto ciò sia vero, lo è da tanto tempo, non è una situazione nuova, ne parlano solo adesso, per influenzare la formazione del governo, ci hanno prestato soldi? se l'hanno fatto, è stato per costringerci in una situazione di dipendenza...
  • user214759 26/05/2018 12:19:07

    Ha ragione Trump quando sostiene pubblicamente che la Merkel è solo capace di pretendere soldi dagli altri paesi della CE ma non di saldare i debiti che ha a livello mondiale. Pochi sanno che è anche la nazione europea maggiore debitrice di debito pubblico. I tedeschi, grazie a questa donna, sono CARICHI DI DEBITI, secondo la Bundesbank, il debito pubblico tedesco ammonta complessivamente a 2.184 miliardi di euro mentre l'Italia è a quota 716 miliardi e la Francia 1.165 miliardi.
  • nicogs 26/05/2018 12:16:57

    Non sono d'accordo con ciò che viene espresso sui tedeschi e sul loro paese nei commenti che leggo. Ma, a prescindere, i morti del passato non c'entrano nulla con i concetti dell'articolo di Spiegel. Il fatto è, Quintimoro, che su certi italiani la pensiamo anche noi come i tedeschi e, a differenza di loro, li conosciamo meglio, nel "belpaese" dove viviamo ci abbiamo a che fare quotidianamente. Lei Quintimoro è sicuro di non essere più fortunato di noi a non viverci?
  • nopagoafitto 26/05/2018 11:31:23

    user216508, a dire la verità dopo aver letto frasi come "ci anno preso", "ci fanno avanzare comme la greccia" e "morire di famme", pure io ho pensato che fossi del terzo mondo.
  • Ribelle64 26/05/2018 11:05:20

    Per Quintimoro: La Germania ha perfettamente ragione nel suo giudizio sugli italiani. Che i tedeschi siano così..decisamente superiori in tutto è un fatto..come gli italiani sono così.. descritti dai tedeschi.. è nella nostra natura..