Cronaca » Londra

Il nipote di Meghan Markle imbarazza la Royal Family: arrestato a Londra dopo le nozze

Martedì 22 Maggio alle 16:25


Neanche il tempo di diventare la Duchessa di Sussex e la sua famiglia allargata mette già in imbarazzo la Royal Family.

Tyler Dooley, nipote di Meghan Markle, è stato arrestato a Londra dopo il matrimonio dell'anno, la sera stessa.

Il ragazzo, 25 anni, figlio del fratellastro di Meghan, voleva entrare in discoteca con un coltello a serramanico.

Neanche la giustificazione gli è servita a molto, visto che stava per scatenare un caso diplomatico: "Non mi serve per attaccare - avrebbe detto - solo per difendermi, ce l'ho per protezione perché Donald Trump ha detto che ormai Londra è una zona di guerra", riferendosi ai tanti omicidi commessi negli ultimi mesi nella capitale britannica.

Il giovane è stato trattenuto per alcune ore in caserma prima di essere rilasciato.

Dooley vive in Oregon, negli Usa, ed è un produttore di marijuana a scopo ricreativo: recentemente ha creato una particolare varietà e l'ha chiamata Meghan Markle. Non proprio un omaggio alla giovane zia, visto che prima del royal wedding ha scritto una lettera aperta ai giornali invitando Harry a non sposare Meghan, "una donna stanca, superficiale e presuntuosa".

Non era stato invitato al matrimonio, ma si è recato comunque a Londra con la famiglia. Aveva ricevuto un'offerta da un'emittente televisiva inglese per raccontare aneddoti sulla zia e commentare le nozze.

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Giano 22/05/2018 20:06:40

    "Donne e buoi dei paesi tuoi", si diceva una volta.