Cronaca » Provincia di Taranto

Ilva di Taranto: travolto dal cavo di una gru, muore un operaio 28enne

Giovedì 17 Maggio alle 10:08 - ultimo aggiornamento alle 10:40


L'Ilva di Taranto

Un operaio della Ferplast, azienda appaltatrice all'Ilva di Taranto, è morto questa mattina mentre eseguiva lavori di manutenzione nel reparto Ima, al quarto sporgente del porto pugliese, gestito dal Siderurgico.

Si tratta di Angelo Fuggiano, 28 anni.

Secondo una prima ricostruzione, il lavoratore sarebbe stato colpito da una carrucola dopo il cedimento di una fune.

"L'incidente - dichiara Antonio Talò , segretario Uilm Taranto - è accaduto all'area Ima, Impianti marittimi, quarto sporgente. Il lavoratore stava provvedendo al cambio fune a una delle gru che scaricano i minerali che servono alla produzione dell'acciaio, quando, secondo le prime ricostruzioni, la fune stessa si è staccata dall'alloggiamento del carro ponte colpendolo. Si tratta di funi molto pesanti ed è evidente che, anche se si è colpiti di striscio, le conseguenze sono molto gravi".

Il caso è solo l'ultimo di una lunga serie di incidenti sul lavoro in tutta Italia.

Nelle ultime settimane quattro operai sono stati investiti da una colata bollente alle Acciaierie Venete, a Padova (sono ora gravi), un cavatore è morto a Carrara, un 19enne è stato schiacciato da un carico di 700 kg a Monfalcone, e un operaio di 56 anni è rimasto ucciso in un cantiere navale a La Spezia.

(Unioneonline/D)

Il tweet di Marco Bentivogli, segretario generale metalmeccanici Fim Cisl

GLI ULTIMI INCIDENTI:

 
i soccorsi sul posto
Incidente in acciaieria a Padova: 4 operai ustionati da una colata bollente

 
il fatto accaduto in un cantiere navale di la spezia
La Spezia, morto un operaio in un cantiere navale

 
un cantiere fincantieri
Friuli, operaio 19enne schiacciato dal cemento. I sindacati: "È intollerabile"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • rosalux 17/05/2018 14:41:46

    Questa carneficina di giovani e meno giovani è diventata una vergogna nazionale. A quanto pare gli addetti alla sicurezza, ammesso e non concesso che esistano, fanno di tutto fuorché il loro lavoro.