Cronaca » Cagliari

Sanità, la protesta dei sindaci del Sulcis a Cagliari

Mercoledì 16 Maggio alle 19:28


La protesta dei sindaci del Sulcis Iglesiente

Molti sindaci del Sulcis Iglesiente, insieme ai primi cittadini dell'Unione dei Comuni del Sulcis, si sono recati in via Roma a Cagliari sotto l'assessorato regionale alla Sanità per un sit-in di protesta.

Hanno chiesto a gran voce di poter parlare con l'assessore alla Sanità Luigi Arru, dal momento che i primi cittadini sulcitani sollecitano risposte dalla Regione e "un cambio di rotta - dichiarano - per invertire la drammatica tendenza che sta avviluppando l'intero settore sanitario del Sulcis".

Un settore definito allo sfascio per il continuo taglio di servizi essenziali.

Per i primi cittadini del Sulcis "è a rischio la tutela del diritto alla salute dei concittadini del territorio".

L'assessore regionale alla fine li ha accolti e ha anticipato che la settimana prossima sarà a Carbonia per un nuovo incontro chiarificatore sui problemi del comparto locale.

Andrea Scano

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Ribelle64 17/05/2018 08:36:29

    Ci si dovrebbe preoccupare,soprattutto, per l'efficienza ed il funzionamento dei servizi e delle strutture che esistono..a prescindere da quante e dove sono..Cosa che, notoriamente, dipende da chi sovrintende le stesse in loco (dirigenza), e da chi ci lavora (non perché assunto per clientelismi e prebende con la politica sempre locale).