Cronaca » Oristano

Oristano, è guerra tra il consigliere regionale Dedoni e il commissario del Consorzio di bonifica

Mercoledì 16 Maggio alle 19:27


La sede del Consorzio di bonifica di Oristano

Il capo gruppo dei Riformatori in consiglio regionale Attilio Dedoni annuncia sanzioni e minaccia l'intervento della Corte dei Conti nei confronti del commissario del Consorzio di bonifica di Oristano.

Il consigliere regionale, dopo le dichiarazioni rilasciate alla stampa dal commissario, Andrea Abis, e relative alla bocciatura del Bilancio del Consorzio, ha ora scritto una lettera di fuoco all'assessore regionale dell'agricoltura Pierluigi Caria.

Dedoni si ritiene sconcertato dalle dichiarazioni del commissario, che aveva annunciato anche la possibilità di rivolgersi a un legale.

"Anziché risolvere i problemi ancora irrisolti e per i quali ha avuto diversi mandati commissariali da parte della Regione - scrive Attilio Dedoni -, Abis si permette di sindacare le attività sia ispettive sia di verifica consentite dall'attività istituzionale previste dai regolamenti del consiglio regionale. Non vorrei, che qualcuno, come anche annunciato, abbia ipotizzato di poter interferire o ricercare soluzioni alternative alla corretta decisione del direttore del Servizio programmazione e-governance dello sviluppo rurale dell'assessorato regionale all'Agricoltura. Lo stesso dottor Abis in dichiarazioni giornalistiche ha affermato in prima istanza che le dichiarazioni dello scrivente risultino veritiere, salvo poi contraddittoriamente ipotizzare il ricorso a legali nei confronti del sottoscritto.

"È inaudito", continua Dedoni, "che un dipendente pubblico si permetta un simile atteggiamento dovendo ben conoscere quali siano i compiti di un consigliere regionale. A salvaguardia della dignità istituzionale si richiede un'azione di verifica e la trasmissione di tutti gli atti alla procura della Corte dei Conti ed eventualmente ad altra istanza qualora occorra".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook