Cronaca » USA

Facebook fa pulizia: rimossi milioni di account falsi e contenuti porno

Martedì 15 Maggio alle 18:17 - ultimo aggiornamento Mercoledì 16 Maggio alle 09:17


Account falsi, contenuti di spam, nudo o pornografici. Contenuti violenti o che incitano all'odio. Facebook ha eliminato 583 milioni di accout falsi, 837 milioni di spam, 21 milioni di immagini hard o di nudo.

Questi sono solo alcuni dei numeri del report che racconta il lavoro del "cervellone" e degli uomini del social in blu. Tutto questo per tutelare gli utenti.

La rimozione dei contenuti pericolosi o non graditi, avviene costantemente, giorno dopo giorno.

I numeri presentati riguardano il lasso di tempo che va da ottobre 2017 a marzo 2018.

La segnalazioni delle persone, spiegano da Facebook, così come il lavoro dei tecnici o dei software sono strumenti che mirano a garantire una certa sicurezza sul social.

Sicurezza: garantirla è la vera e propria missione dalle parti di Menlo Park, dopo lo scandalo del caso Cambridge Analytica. Un compito certamente non semplice vista l'icredibile mole di iscritti: 2,2 miliardi di persone, che ogni giorno – o quasi – si "muovono" e interagiscono sul social di Zuckerberg.

(Unioneonline/DC)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • GOLORITZE 15/05/2018 19:33:51

    frase di Umberto Eco: “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.” i social sono uno utile strumento, ma va usato con la testa