Cronaca

Divieti WhatsApp facilmente aggirabili: è polemica

Venerdì 27 Aprile alle 10:55


Il divieto di WhatsApp riguardo alla privacy, e soprattutto all'età degli utenti, ha destato scalpore nel mondo dei giovani, ma non solo.

Il noto social network infatti, che permette di inviare messaggi, foto, video, e tanto altro, ha imposto l'età minima di 16 anni (prima era 13) per l'utilizzo.

In più dovrà esserci il permesso ufficiale dei genitori tramite una documentazione dedicata.

Un provvedimento diretto a far utilizzare l'applicazione in un'età sicuramente più consona (visti i pericoli che WhatsApp nasconde).

Allo stesso tempo però non ci sono certezze che questo venga rispettato, non tanto per la volontà degli utenti di adeguarsi quanto per la "frammentarietà" della legge.

WhatsApp non ha ancora annunciato come andrà a verificare l'età dei suoi utenti, né tantomeno come farà ad imporsi nelle decisioni dei singoli Paesi.

Il provvedimento riguarderà tutto il mondo, non solo la Ue, e per questo sarà soggetto alle scelte delle varie nazioni che potranno approvare o meno l'aggiornamento.

Insomma, tutto procederà come prima, in attesa che il noto social imponga dei divieti più severi e rispettabili.

(Unioneonline/M)

 
WhatsApp, l'app sarà vietata ai minori di 16 anni

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Peppa_Piga 02/05/2018 08:27:39

    E se misurassero i calli alle mani/polpastrelli?
  • Sardofelix 27/04/2018 12:51:36

    Non si capisce perché Whatsapp dovrebbe fare qualcosa che nessun altro fa. Nel momento in cui dichiara che l'uso dell'applicazione non è consentita ai minori di 16 anni, automaticamente la responsabilità cade su chi ha la tutela del minore. L'unica alternativa sarebbe l'uso di dati biometrici (nemmeno quelli sicuri al 100%), ma a quel punto scoppierebbe un putiferio dieci volte maggiore.