Cronaca » Francia

Vincent Bolloré indagato per corruzione: "Finalmente potrò difendermi"

Giovedì 26 Aprile alle 09:06


Vincent Bolloré, patron dell'omonimo gruppo, è stato iscritto nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta per "corruzione di pubblici ufficiali stranieri", dopo l'assegnazione alla sua società di concessioni portuali in Africa occidentale, a Lomé, in Togo, e a Conakry, in Guinea.

Il miliardario francese - che era stato preso in custodia martedì mattina negli uffici della polizia di Nanterre - ha lasciato l'ufficio dei giudici ieri sera, dopo un fermo durato 36 ore e dopo essere stato interrogato.

Oltre al magnate, sono stati ascoltati anche due dirigenti del suo gruppo: il capo della divisione internazionale di Havas, Jean-Philippe Dorent, e Gilles Alix, direttore generale del gruppo Bolloré.

In una nota, il gruppo dell'industriale bretone ha sottolineato come Bolloré, "che rimane presunto innocente", grazie all'iscrizione "può finalmente avere accesso a questo dossier che non ha mai conosciuto e rispondere a queste accuse infondate".

Il finanziere 66enne è primo azionista di Vivendi, nel cda di Tim.

La società, attiva nel campo dei media e delle comunicazioni, è al centro di una disputa legale con il gruppo Mediaset.

IL VIDEO DEL FERMO DI BOLLORÉ:

 
Vivendi, il patron Vincent Bolloré fermato a Nanterre per corruzione

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook