Cronaca » Mamoiada

Annino Mele fuori dal carcere: l'ex bandito di Mamoiada ottiene la libertà condizionale

Giovedì 26 Aprile alle 07:05 - ultimo aggiornamento alle 15:44


Libertà condizionale per Annino Mele: l'ex bandito dell'Anonima sarda ha lasciato il carcere di Bollate e ha potuto raggiungere la comunità Il Gabbiano di Piona di Colico, nel Lecchese.

67 anni, gran parte dei quali trascorsi in cella - per 28 non ha ottenuto neanche un permesso - è stato condannato per vari reati tra omicidi e sequestri. Nato a Mamoiada, i giudici gli avevano inflitto l'ergastolo per un duplice assassinio compiuto nel 1976, oltre a 28 anni per il sequestro di un bimbo di otto anni, 30 anni per la Superanonima della Gallura, e ancora altre pene per due rapimenti.

Annino Mele nel frattempo sembra aver preso le distanze da quanto commesso in passato, ma non ha mai fatto nomi di complici e di persone che in qualche modo lo hanno aiutato. Dietro le sbarre ha studiato e ha scritto diversi libri.

Qualche mese fa aveva ottenuto la concessione di poter uscire dal carcere per alcune ore, ma poi doveva sempre far ritorno nella struttura. Ora, invece, la sua vita cambia totalmente.

(Unioneonline/s.s.)

 
annino mele oggi (foto g ungari) e ieri
Annino Mele, l'ex bandito si confessa: "Io malvagio? Non mi conoscete"

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

10 commenti

  • user238959 27/04/2018 16:46:59

    Era ora congratulazioni annino goditi la libertà tela meriti in bocca a lusk carissimo
  • 1madino 26/04/2018 22:54:10

    Metà vita trascorsa in carcere dei quali 28 anni senza un permesso , neanche per la morte della madre, sono una discreta pena che non riporterà in vita le sue vittime ma, gli hanno dato il tempo di riflettere. L'augurio che gli faccio è di non ricadere nel crimine come Mesina e Valanzasca, ma Anino Mele non sembra il tipo di esibizionista che si crede al di fuori delle leggi. Ha sbagliato, ha pagato e spero sia profondamente pentito delle sue malefatte e ora capisca come si vive normalmente.
  • user221081 26/04/2018 21:01:41

    Alla faccia della certezza della pena!!
  • MORESCHINI 26/04/2018 16:21:09

    Saranno felici i parenti dei poveretti massacrati da questo macellaio ! Solo in Italia lasciano in vacanza" premio" assassini condannati al ergastolo !!! Edo
  • Peppa_Piga 26/04/2018 15:47:41

    PIRICCU ERGASTOLO=FINE PENA MAI!
  • Peppa_Piga 26/04/2018 15:46:41

    CHE VERGOGNA!!!!
  • piriccu 26/04/2018 11:59:15

    Mamma mia quanti forcaioli. Certo che ha sbagliato e ha fatto cose orribili, ma ha anche pagato, almeno in parte, e secondo quelle che sono le leggi dello Stato. E, quello che più conta, è che pare davvero che si sia reso conto del male fatto. Può anche darsi che ora possa espriimersi in senso opposto, cioè divenendo utile per la comunità. Certo, fossi parente di un vittima non so se direi le stese cose. Auguri. E, in ogni caso, spero che si faccia una seria riforma delle carceri, disumane.
  • be 26/04/2018 11:39:37

    speriamo che non si facciano vivi gli amici di cui non ha mai fatto i nomi
  • pierolog 26/04/2018 08:41:15

    speriamo che, al contrario di Mesina, abbia deciso di vivere una vita normale e nel rispetto della Legge. Certo è che con i suoi trascorsi in USA l'avrebbero condannato a morte
  • user215650 26/04/2018 08:25:24

    Ma è uno stato normale questo? Duplici omicidi sequestri..gente che dovrebbe marcire in galera