Cronaca » Nuoro

"Sindaci soli come cani", l'editoriale del direttore

Domenica 22 Aprile alle 13:56 - ultimo aggiornamento Lunedì 23 Aprile alle 08:18


Franco Saba, sindaco di Ottana

«Siamo tutti Franco». Così, qualche giorno fa, parlò Nannino Marteddu, primo cittadino di Orotelli.

Franco sta per Franco Saba, il sindaco di Ottana che, venerdì, davanti a centinaia di persone (amministratori, operai, imprenditori, cittadini) ha ritirato le dimissioni. Ma in un clima esplosivo è bastata la minaccia di Franco per fare rumore.

Cosa ha fatto Saba? Ha gridato basta, a tutto. Alle mogli degli (ex) operai che bussano in Municipio per un tozzo di pane, ai vigliacchi del muretto a secco, alle promesse e all'incapacità di chi ha più poteri (e più soldi) dei sindaci, cui non resta - frase fatta più volte utilizzata in questo spazio - che ululare alla luna. Soli come cani. Il Partito dei Sardi più di altri, in un momento di confusione politica, ha sposato una causa che deve essere di tutti. Una trasversalità che potrebbe segnare l'inizio di un nuovo impegno civile.

Come ha detto Costantino Tidu, sindaco di Teti e commissario di quel che resta della Provincia di Nuoro, «i problemi di Ottana e della Sardegna non hanno colore politico».

Per Emiliano Deiana, primo cittadino di Bordigiadas e presidente dell'Anci, «la Sardegna soffre di due centralismi, uno a Roma, l'altro a Cagliari».

Con un filo rosso, per dirla con il sindaco di Nuoro Andrea Soddu: «Il lavoro al primo posto». Chissà, dal seme piantato tra le ceneri di Ottana da Franco, Franco Saba, potrebbe nascere qualcosa.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • palolo 23/04/2018 08:56:42

    Questa non può essere la "battaglia di Ottanta e dintorni" questa, dev' essere La BATTAGLIA DELLA SARDEGNA. Convochino il Sindacato Regionale e l'Anci, i Lavoratori e Sindaci tutti, uniti si vince. Basta con le divisioni NORD SUD CENTRO. L'interesse è uno" la SARDEGNA E IL BENESSERE DEI SARDI.
  • user235835 22/04/2018 20:08:13

    Li avete votati? Teneteveli! E badate bene Che sono Gli stressi che il Polo Petrolchimico di Ottana, lo hanno ideato nel 1968 e poi realizzato al centro della Sardegna, distante decine di km dai porti isolani e dagli altri siti industriali, fonti di approvvigionamento delle materie prime necessarie al funzionamento e finanziato nella quasi totalitá pubblici , solo per avere VOTI
  • 1madino 22/04/2018 19:11:35

    Caro Direttore, anche stavolta hai centrato il nocciolo della questione lavoro e disoccupazione ma,al giorno d'oggi, cercare di far valere le giuste ragioni sembra un insulto, quasi un reato. Sono stato varie volte alle assemblee di Ottana e dintorni, non a quest'ultima, ma ho visto sempre le solite facce dei più disperati: mancava (secondo me ) la presenza delle vere istituzioni intese come maestranze locali, scuole e popolazione in generale. Peccato, la loro presenza sarebbeimportante
  • Brent 22/04/2018 14:57:04

    Franco Saba è una persona generosa e coraggiosa, ma questo non gli basterà per completare il suo mandato, i problemi di paesi come Ottana sono oltre le possibilità di qualsiasi sindaco, stiamo parlando di paesi in cui abitano centinaia di giovani senza un lavoro e senza alcun reddito, e soprattutto senza alcuna speranza di cambiamento. Chiaramente questi paesi diventano bombe a orologeria, in cui la disperazione cresce fino a raggiungere il livello in cui si trasforma in violenza furiosa