Cronaca » Cagliari

Cagliari, le palestre all'aperto diventano regno dei cani

Domenica 22 Aprile alle 17:55


La palestra di via Is Guadazzonis

Sono il fiore all'occhiello di "Cagliari città europea dello sport 2017". Ma quelle palestre all'aperto attrezzata per l'attività fisica dei cittadini in diversi punti della città stentano a decollare.

Lo spazio di via Is Guadazzonis, di fronte all'ospedale Binaghi, è addirittura impraticabile dal momento che le piante sono cresciute a dismisura.

Le altre spesso invece sono solo il regno dei cani. "Ma vedrete che con la bella stagione ricominceranno a essere frequentate proprio come l'anno scorso", garantisce l'assessore comunale allo Sport Yuri Marcialis.

I lavori al Poetto
I lavori al Poetto

Intanto al Poetto, dalle parti dello stabilimento balneare Ottagono, sta nascendo una cittadella degli sport balneari. Un punto in cui potranno essere praticati beach soccer, beach volley, beach rugby e beach tennis.

Marcello Cocco

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • user216157 23/04/2018 14:17:41

    Non era difficile capire che questa sarebbe stata la fine...questi spazi vanno curati altrimenti creano sporcizia e perdono l'importanza e il motivo della loro nascita...
  • Spirritu 23/04/2018 10:55:37

    Mi alleno con regolarità in una di queste palestre all'aperto e posso tranquillamente affermare che nella zona dove mi alleno è tutto abbastanza pulito. Mi soffermerei piuttosto sulla qualità dell'attrezzatura, la barra per le trazioni ad esempio ha l'impugnatura troppo grossa e fornisce uno scarso grip, si poteva scegliere di meglio. Mentre le parallele e l'attrezzo per i dip sono abbastanza buoni. Sarebbe stato opportuno concordare la scelta con degli esperti del settore fitness.
  • fpiras 23/04/2018 10:49:36

    Idem a Terramaini, sull'erba non si può più stare a causa della presenza di feci e di odori vari. I miei figli si sono sporcati più volte sia nelle aree dedicate ai bambini che sul resto del manto erboso, e di certo non è una cosa piacevole. Serve più controllo per i padroni che non rispettano le più banali regole di civiltà.
  • Idiotshunter 23/04/2018 09:40:59

    È arrivato SpartacusVin! Preso! Ride da solo, scrive ottusità che confonde con le battute e sprizza banalità da tutti i pori. È lecito non amare un'amministratore, ma se prorpio vuole esercitare il diritto di critica almeno provi a farlo articolando un discorso di senso compiuto, qualora ne sia in grado.
  • unione04 23/04/2018 00:27:51

    Si certo, come no, saranno usate come le piste ciclabili
  • SpartacusVin 22/04/2018 19:56:05

    ahahahah il sindaco non è riuscito ad educare i cagliaritani a fare sport? forse solo a tagliare le teste alle statue. eppure le medaglie gli piacciono.... questa volta niente!
  • user238899 22/04/2018 19:40:56

    Per non parlare dei parchi dei bambini, al quartiere del sole l’area immensa dedicata ai cani è quasi completamente snobbata dai loro padroni,parlo di un parco enorme nel punto migliore e non è l’unico dedicato a loro,in un pacchetto vicino ci sono addirittura due zone per far fare i bisogni ai cani ma....... sorpresa i cani vengono portati in quello che resta per i bambini,così bisogna fare slalom per evitare brutte sorprese nelle suole delle scarpe. Per non parlare dei marciapiedi cessi liber
  • ca-opinionis 22/04/2018 19:23:34

    Cattedrali nel deserto come le piste ciclabili, sarebbe stato meglio istallare telecamere di sorveglianza, tanto invocate per contrastare i sempre più numerosi atti vandalici.