Cronaca » Tempio Pausania

Tempio, presunta turbativa d'asta
"Nomi eccellenti", indagini chiuse

Mercoledì 04 Aprile alle 12:30 - ultimo aggiornamento alle 14:43


Il tribunale di Tempio; nel riquadro Gemma Cucca

Sono in corso le notifiche di avviso di concluse indagini per la vicenda della presunta turbativa d'asta nella vendita della villa dell'imprenditore di Arzachena Sebastiano Ragnedda.

Fra i destinatari c'è anche la presidente della Corte d'appello di Cagliari, ed ex presidente del tribunale di Tempio, Gemma Cucca, alla quale vengono contestati i reati collegati a quello principale, tra i quali la violazione del segreto d'ufficio.

Accusati di turbativa d'asta sono il giudice del tribunale di Tempio Alessandro Di Giacomo; gli aggiudicatari del bene, i magistrati Andrea Schirra e Chiara Mazzaroppi, e il padre di quest'ultima, ex presidente della Corte d'appello di Sassari, Francesco Mazzaroppi.

Destinatari dell'avviso, inoltre, gli avvocati Tommasina Amadori e Giuliano Frau.

L'udienza dell'asta oggetto delle indagini, condotte dal pm Stefano Rocco Fava, risale al 29 gennaio 2016, secondo la Procura di Roma sarebbe stata favorita l'aggiudicazione della villa di Ragnedda, un immobile realizzato a Baia Sardinia, con "uno sconto" rispetto al valore reale.

Andrea Busia

***

- NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO -

LA CRONACA

 
il tribunale di tempio
Turbativa d'asta a Tempio, confermata la sospensione del giudice Di Giacomo

 
csm
Turbativa d'asta, il Csm sospende il giudice di Tempio Pausania

 
foto a sinistra la ressa davanti all entrata di uno dei giudici indagati al tribunale di tempio (foto grande)
Tempio, inchiesta sulle vendite giudiziarie: indagati giudici e avvocati

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • sadam 04/04/2018 14:58:37

    Tutto il mondo è paese, chi è senza peccato scagli la prima pietra!!
  • user226399 04/04/2018 14:11:02

    Che bella congrega! Ora, ben tre gradi di giudizio attendono gli eventuali inquisiti ! che sono tutti immacolati fino a prova contraria!