Cronaca » Gran Bretagna

Caso Skripal, padre e figlia intossicati dalle tracce di gas nervino sulla porta di casa

Giovedì 29 Marzo alle 07:21 - ultimo aggiornamento alle 09:11


L'ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia, intossicati all'inizio di marzo a Silisbury, sono entrati in contatto con l'agente chimico nervino toccando la porta di ingresso della loro abitazione.

Questa la svolta nel corso delle indagini portate avanti dalla polizia britannica, che fa quindi venire meno le ipotesi dei giorni scorsi sulla presenza della sostanza all'interno di una valigia che Yulia aveva portato con sé da Mosca e nel sistema di ventilazione dell'auto usata quel giorno.

A seguito dell'avvelenamento, numerose sono state le reazioni a livello internazionale, tanto che oltre 150 diplomatici russi sono stati espulsi da vari Paesi del mondo; da Londra le accuse puntano a Mosca, che invece nega ogni coinvolgimento.

(Unioneonline/s.s.)

LE ACCUSE A LONDRA:

 
Ex spia russa avvelenata, il Cremlino: "Da Londra o prove o scuse"

L'INTOSSICAZIONE:

 
Gran Bretagna, ex spia russa in gravi condizioni: "È stato avvelenato"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • ale66 29/03/2018 14:23:01

    Prima si era parlato del gas nervino in valigia , poi gli agenti in tutta spaziale erano stati fatti andare in piazza a Londra , ora nel buco della serratura .... non so ma i conti no tornano , la storia ci ha insegnato dall' Iraq in poi che si ha bisogno di un nemico comune ...
  • dadaolta 29/03/2018 14:03:00

    Quindi Putin avrebbe inviato una "squadra" in tuta di gomma e maschera antigas a impregnare di Novishok (prodotto solo in Russia , 'sti autarchici!) la porta di casa della ex spia! E sono ancora in giro perfidamente mimetizzati, senza colbacco,vodka e balalaika! :-))))))))))
  • be 29/03/2018 11:44:03

    comincia ad uscire la verità la premier ha sempre dichiarato che le avevano messo il gas nelle valigie durante un viaggio in Russia
  • user217346 29/03/2018 08:48:09

    A me questa storia dell'avvelenamento da parte dell'ex spia russa non mi ha mai convinto. Perchè poi in questo momento storico in cui Putin è al massimo del suo potere di controllo sulla russia e sul mondo (vedi Siria), al massimo della sua potenza nucleare, al massimo del suo impero economico? Del resto da che mondo è mondo i falsi attentati o le false prove (vedi iraq) non mancano proprio...