Cronaca » Provincia di Roma

"Un islamista tunisino pronto a colpire in Italia"

Domenica 25 Marzo alle 07:21 - ultimo aggiornamento alle 21:34


Mathlouti Atef

Una lettera anonima, ma ritenuta attendibile dagli inquirenti, ricevuta dall'ambasciata italiana a Tunisi, lancia l'allarme: un 42enne sarebbe pronto a portare a termine un atto terrorista a Roma.

L'uomo, individuato come Mathlouthi Atef, islamista radicale, già fermato in passato per reati minori, avrebbe stilato un programma per colpire la capitale italiana: nel mirino, secondo indiscrezioni, ci sarebbero i luoghi più frequentati, come bar, centri commerciali, siti turistici ma anche stazioni della metropolitana.

Le autorità non hanno commentato, ma sembra che il livello di sicurezza sia stato ulteriormente innalzato, nell'"area rossa" in particolare, ossia quella intorno alla basilica di San Pietro, e via del Corso.

(Unioneonline/s.s.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • user215573 26/03/2018 05:12:44

    spero che salvini mantega le promesse fatte !!operazione italia pulita !!
  • Utente_US 25/03/2018 14:47:43

    a che ora è previsto?
  • user226087 25/03/2018 10:59:36

    Siate rispettosissimi della gente e della terra.
  • user226087 25/03/2018 10:57:35

    L'importante è che in Sardegna si comportino in modo rispettoso, siamo un popolo ospitale è corretto e poi noi non siamo mai andati nei loro paesi a creare tensioni e disagi, al massimo siamo andati in vacanza a portare denari. Loro arrivano qui in massa senza un centesimo, senza arte né parte, sporchi, mi auguro che vorranno rispettare sia questa terra che li ospita e che li farà integrare e probabilmente farà mettere radici.