Cronaca » Piemonte

Migrante incinta respinta alla frontiera: muore dopo il parto

Venerdì 23 Marzo alle 20:14 - ultimo aggiornamento alle 21:06


Migranti

Dà alla luce un bimbo di un chilo e mezzo prima di morire. La tragedia è avvenuta all'ospedale Sant'Anna di Torino, dove una 31enne di origini nigeriane, bloccata dalle autorità francesi al confine con il marito, era stata ricoverata perché malata di tumore.

"È successo che qualche giorno fa, è morta una mamma che differiva dalle nostre solo perché aveva un colore diverso" ha raccontato Paolo Narcisi, presidente dell'associazione Rainbow4Africa, che ha soccorso la donna.

"Era in condizioni disperate, per cui è stata portata qui al Sant'Anna, dove i colleghi hanno fatto di tutto per lei e soprattutto per il bambino" ha precisato Narcisi, visto che la donna era stata trasportata nel capoluogo piemontese, dopo un primo ricovero a Bardonecchia.

Prima di morire, la ragazza nigeriana, incinta di 28 settimane, è riuscita a partorire d'urgenza.

(Unioneonline/DC)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • lilo 25/03/2018 08:49:30

    Purtroppo e successo in Italia,che riposi in pace,e il bimbo stia bene,per il marito che non parla neanche la ns linqua,ora e sistemato ,permesso di soggiorno,casa ,lavoro etc ,etc,
  • Frangeo 24/03/2018 11:22:32

    Il respingimento alla frontiera non ha nulla a che vedere con la morte della donna, sarebbe comunque morta in Francia anziché in Italia. La donna e il suo incosciente marito si sono ostinati a cercare un passaggio per la Francia pur sapendo che le probabilità di un respingimento erano altissime. Se si fossero recati prima all'ospedale forse avrebbero evitato questo dramma inutile.
  • mariusIOAN 24/03/2018 08:01:31

    Respinta alla frontiera non perché ..."... aveva un colore diverso dal nostro ..."..., bensì perché clandestina e succederebbe la stessa cosa anche a te caro Paolo Narcisi, se ti presenti senza documenti o privo di regolare visto alle frontiere nigeriane.....