Cronaca » Iraq

Mosul, sarà ricostruita la moschea da cui Al Baghdadi ha proclamato la nascita dell'Isis

Domenica 18 Marzo alle 17:39 - ultimo aggiornamento alle 18:55


L'Iraq ricostruirà la moschea al-Nuri di Mosul, dove il 29 giugno del 2014 Abu Bakr al-Baghdadi, in una delle rarissime apparizioni pubbliche, proclamò la nascita dello Stato Islamico.

La moschea e il minareto, simboli della città vecchia di Mosul, sono stati distrutti dall'Isis nel giugno dello scorso anno, quando l'offensiva delle truppe irachene ha costretto i terroristi a lasciare la loro enclave nel Paese.

"Sono iniziati i lavori per rimuovere le macerie dal sito e ricostruire la Grande moschea e il minareto, che i teroristi avevano trasformato in un rifugio da cui hanno dichiarato il Califfato", ha detto Nofel Hamadi, governatore della provincia di Niniveh.

All'opera di ricostruzione parteciperanno anche gli Emirati Arabi Uniti.

La moschea di al-Nuri, realizzata nel 1172, è la prima e più antica di Mosul, con un'estensione di 5850 metri quadrati. Il minareto venne fatto erigere invece due anni prima, è alto 65 metri.

La moschea distrutta
La moschea distrutta

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user220329 19/03/2018 12:45:52

    Si buona idea, fate in fretta alla ricostruzione prima che scada il mandato di Trump che sicuramente gradirà contribuendo all'inaugurazione con i fuochi pirotecnici a pioggia, sistema ormai noto in quelle zone.