Cronaca » Iraq

Isis, condannata a morte la sorella di al-Baghdadi

Giovedì 08 Marzo alle 12:36


La Corte centrale criminale di Baghdad ha condannato a morte per impiccagione la sorella di Abu Bakr al-Baghdadi, considerato il primo emiro dello Stato islamico in Iraq.

Lo ha reso noto il portavoce della Corte, Abdul Sattar Bairaqdar, spiegando come Najlaa Dawud Muhammad, alias Umm Ahmad, sia stata giudicata colpevole di aver avuto un ruolo attivo nell'organizzazione.

"L'imputata ha confessato di essere membro del gruppo terroristico Daesh (Isis, ndr) e di aver fornito supporto logistico e aiuto per eseguire atti criminali", ha dichiarato il portavoce dell'Alto.

"L'imputata ha anche confessato di aver fornito aiuti finanziari ai membri di Daesh a Mosul - ha aggiunto - Anche suo marito è uno dei comandanti di Daesh ed è stato condannato a morte".

(Unioneonline/F)

 
Raid aereo della Russia in Siria: "Potremmo aver ucciso al-Baghdadi"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • iskander66 09/03/2018 19:59:23

    @ wing1250 Nessuno ha il diritto di condannare a morte qualcuno. Chiunque lo faccia è un assassino e andrebbe condannato a sua volta alla stessa pena.
  • wing1250 09/03/2018 18:15:20

    condanna più che meritata.