Cronaca » Nule

Delitti Monni-Masala, oltre 30 gli indagati nel Nuorese

Mercoledì 07 Marzo alle 08:50


Nel riquadro le due vittime

Riprende domani, alla Corte d'assise di Nuoro, il processo che vede imputato Alberto Cubeddu, accusato di essere coinvolto negli omicidi di Gianluca Monni e Sefano Masala.

Ma per la Procura di Nuoro almeno trenta persone, tutte di Orune, sanno qualcosa e non hanno raccontato quanto accaduto la notte del 13 dicembre 2014 nella sala da ballo in cui si era verificata la rissa che sarebbe alla base dell'uccisione di Monni.

Per gli inquirenti, che le accusano di favoreggiamento, non hanno detto la verità e, di conseguenza, hanno in qualche modo aiutato Paolo Enrico Pinna, il 19enne di Nule che in primo e secondo grado è già stato condannato per gli omicidi, e Alberto Cubeddu.

(Unioneonline/s.s.)

 
gianluca monni e stefano masala
Delitto Monni-Masala: Pinna condannato a 20 anni in secondo grado

 
l imputato alberto cubeddu
Delitto Nule-Orune, un teste: "La sera della scomparsa ho visto Masala"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • CCMascia 07/03/2018 09:47:52

    Un omicidio del genere, in cui i colpevoli non restituiscono il corpo del giovane, merita l'ergastolo senza sconti di pena. La legge va cambiata e se un imputato non collabora e rende piena confessione non deve accedere a riti abbreviati e sconti di pena. Ergastolo con isolamento a vita e ridiscussione della pena solo dopo che sia stata resa la salma ai poveri familiari del ragazzo. Ma le bestie non hanno un anima.