Cronaca » Alghero

Aggiudicato il servizio di elisoccorso in Sardegna, si parte il primo luglio

Giovedì 22 Febbraio alle 12:26 - ultimo aggiornamento alle 15:17


L'elicottero del 118 all'aeroporto di Elmas

La sentenza del Tar che boccia il ricorso presentato dall’Elitaliana dà il via libera alla gara dell’Elisoccorso in Sardegna.

La società piemontese Airgreena si è aggiudicata la gara da 58,5 milioni di euro per il servizio di emergenza con elicotteri per otto anni.

Tre le basi: Cagliari e Alghero saranno operative 12 ore, Olbia giorno e notte.

Nella cittadina gallurese sarà impiegato un Leonoardo, mentre nelle altri due basi Airbus tedeschi.

Soddisfatto l’assessore alla Sanità Luigi Arru: È un’azione fondamentale di questa legislatura, l’elisoccorso è il punto fondamentale del servizio di emergenza".

Sulla stessa linea il presidente della Regione Francesco Pigliaru: "Oggi poter parlare di elisoccorso vuol dire cominciare a rendere concreto il sogno di avere una sanità ragionata".

Alla presentazione del servizio sono intervenuti Fulvio Moirano, dg dell’Ats, Giorgio Lenzotti, dg dell’Areus, Giuseppe Sechi dg dell’assessorato alla Sanità, l’avvocato Roberto Di Gennaro.

L’obiettivo è partire con il servizio il primo luglio.

Sono in corso le selezioni il personale sanitario. Secondo i calcoli dell’assessorato occorreranno 40 medici e 40 infermieri a rotazione nelle tre basi.

Andrea Artizzu

***

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

LA DECISIONE DEL TAR:

 
elisoccorso
Elisoccorso, il Tar Sardegna respinge il ricorso della Elitaliana Spa

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

15 commenti

  • corricorri 24/02/2018 23:18:48

    gallosardo: hai ragione per la prima parte, ma ricorda che quando ti viene a prendere l'elisoccorso perché ti sei infortunato a Su Gorroppu, non decidi tu dove andare a farti ingessare ! E se poi come in Piemonte fanno pagare la corsa - a meno che non vi sia pericolo di vita - vedi che gli elicotteri volano solo in casi di estrema necessità, come i Falcon del''Aeronautica che portano in bimbi al Gaslini a al Bambin Gesù. Quanto al luogo ci risiamo con il campanilismo.
  • Gallosardo 23/02/2018 18:33:04

    Sar2010 ma secondo lei il polo oncologico di Macomer è in grado di fare un trapianto di polmone? Ma si rende conto di quello che dice ? Le operazioni più complesse è opportuno farle nei centri dove vi è una più alta percentuale di interventi. Lo spopolamento non c’entra.
  • sar2010 23/02/2018 09:48:02

    Gallosardo, e magari, di conseguenza al tuo discorso, incentivi lo spopolamento di tutta la Sardegna, e inviti la gente a vivere attorno a Sassari, Olbia e Cagliari. Ma ti rendi conto di quello che dici?
  • Gallosardo 22/02/2018 23:38:12

    Smettiamola nel i pretendere di avere l’ospedale sotto casa. La Sardegna è una delle regioni con il più alto deficit nella sanità . Io,se mi rompo una gamba non vado a farmela ingessare in un ospedale che fa un gesso anno, preferisco quello che fa 50 gessi giornalieri, anche se un po’ più lontano. Gli elicotteri, come i piloti, sono abilitati al volo strumentale notturno. In prospettiva futura di può implementare il servizio. Nel nord Sardegna la Costa Smeralda “ dura” 3 mesi ..
  • sar2010 22/02/2018 23:00:17

    La posizione di strutture in grado di accogliere elicotteri, più baricentriche, come Tortolì, Nuoro, Abbasanta, Oristano-Fenosu ... vi dicono niente?
  • pipere 22/02/2018 20:15:58

    L'annuncio era nell'aria,la gara d'appalto sarà anche corretta a Luglio non partirà un bel niente perché non saranno pronti i locali in nessuno dei 3 aeroporti,quando riusciranno a partire spieghino i sapientoni di questo progetto scellerato quando in 20 minuti saranno raggiunte molte zone del nuorese non dico di giorno e condizioni meteo ottimali ma in particolare di notte con decollo da Olbia come previsto tanto fumo da campagna elettorale,spese per 5 interventi notturni all'anno
  • sardinia 22/02/2018 19:09:37

    Ennesima dimostrazione di quanto la Sardegna non potrà mai arrivare a certi livelli di civiltà europea. Qualunque delibera si prenda, anche questa lodevole dell'Elisoccorso, non va bene, viene contestata, si vorrebbero cambiare i luoghi di operazione, non sapendo che un Elicottero si sposta velocemente da un punto all'altro. L'importante, per questi commentatori delle cause perse, è protestare, blablabla. Con questa persone, la Sardegna sarà senza nessuna speranza. Mario Sconamila.
  • primoeffe 22/02/2018 19:03:30

    Mi spiace solamente che i costi di questa operazione non siano addebitati poi ai suoi geniali ideatori. Avremo gli elicotteri ma intanto, in nome della "razionalizzazione della spesa sanitaria" si continuano a chiudere ospedali e ridurre drasticamente i posti letto ospedalieri. E naturalmente ad affidare a ditte esterne servizi strategici che finiscono solamente per far lievitare i costi. Al nord 8 posti letto ogni mille abitanti al sud, con popolazione molto più anziana, soltanto due....
  • user213094 22/02/2018 17:27:39

    Sarà, ma a me tutto ciò appare frutto di notevole improvvisazione (oltre che annuncio estremo di campagna elettorale da parte del PD). Vorrei saperne di più per poter svolgere una critica esauriente, debbo dire però che già così vi sono alcune cose poco chiare. E 58 milioni e mezzo sono una bella somma, non so se mi spiego....
  • andrepux 22/02/2018 16:50:58

    potevano alternare alghero e olbia 12 ore e cagliari 24 ore su 24.. non si possono lasciare zone come il Fluminese e Carloforte ( non le uniche ), abbandonate a se stesse e con nessun presidio cardiologico d'urgenza e di neurochirurgia nel giro di 100km ...