Cronaca » Provincia di Roma

Moby Prince, chiusa l'inchiesta parlamentare tra "evidenze negate" e "tesi inverosimili"

Martedì 23 Gennaio alle 08:20 - ultimo aggiornamento alle 14:32


Il relitto del Moby Prince

Domani, nella sala Zuccari del Senato, alle 15, la Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause del disastro del traghetto Moby Prince, presieduta dal senatore Silvio Lai, presenterà la relazione sul lavoro svolto a partire dal dicembre 2015.

La tragedia è avvenuta la sera del 10 aprile 1991, nel porto di Livorno, dove il traghetto si schiantò contro la petroliera Agip Abruzzo.

Nell'incidente morirono 140 persone, tra cui 26 sardi.

In questi due anni, la Commissione ha ripercorso l'intera vicenda, grazie a decine di audizioni e all'analisi di tutti i documenti raccolti da allora, ascoltando anche nuovi testimoni. Un enorme lavoro d'inchiesta e d'archivio, grazie al quale, con ogni probabilità, sarà possibile fornire per la prima volta un quadro d'insieme su cosa accadde quella sera di ventisei anni fa.

"La Commissione si dichiara stupita che a 26 anni dal disastro della Moby Prince molte dichiarazioni rese in sede di audizione siano convergenti nel negare evidenze o nel fornire versioni inverosimili dell'accaduto", dicono i risultati dell'inchiesta parlamentare.

"L'attività di indagine della Procura è stata carente e condizionata da diversi fattori esterni", come le "enormi pressioni cui sembra essere stata oggetto", afferma ancora la Commissione.

Seppure non tutti i punti oscuri della vicenda siano stati ricostruiti con esattezza, "affermiamo con sicurezza di aver raggiunto una ricostruzione decisamente più vicina alla realtà storica. Non tutta la verità ma di sicuro una verità più ricca".

Intanto la procura della città toscana ha aperto una nuova indagine sui fatti, "atti relativi contro ignoti".

(Unioneonline/F)

 
la via intitolata alle vittime del moby prince
Inaugurata a Cagliari piazza Moby Prince: per non dimenticare le vittime di 26 anni fa

 
un immagine del disastro
Moby Prince, a 26 anni dalla strage una piazza di Cagliari intitolata alle vittime

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • piriccu 24/01/2018 15:44:14

    Non so se la cosa sia stata tenuta in conto: all'ora del disastro, se non sbaglio, era in corso una partita della nazionale di calcio. Ho viaggiato spesso su Moby e altre compagnie e quando mi è capitato che ci fosse una partita di calcio, l'attenzione era molto concentrata sulla partita. 'Distrazione' (chiamiamola così) c'è stata. Data da cosa? Non dovrebbero esserci consegne rigide (forse ci sono) che, qualunque cosa passi in TV, chi deve badare alla sicurezza, badi alla sicurezza?
  • crobunieddu 23/01/2018 13:06:20

    Un'altra Ustica senza nessuna verità e colpevole, ma solo morti e i loro poveri familiari che non avranno mai giustizia. Che tristezza!!
  • sadam 23/01/2018 12:08:09

    Hanno pulito un po l'inciucio precedente ma sempre inciucio è, hanno tanto da nascondere!!
  • be 23/01/2018 11:08:55

    ed adesso che succede arresteranno i responsabili rendendo pubblici i nomi e cognomi oppure la commissione è servità per dare qualche gettone in più ai politici