Cronaca » Iglesias

Iglesias, 21 lettere di licenziamento alla Rosa del Marganai

Martedì 23 Gennaio alle 13:46 - ultimo aggiornamento alle 17:10


La Rosa del Marganai

Dall'annuncio alle vie di fatto: 21 lavoratori della "Rosa del Marganai", la rsa che a Iglesias ospita persone non autosufficienti e affette da patologie altamente invalidanti come la Sla, stanno ricevendo in queste ore la lettera di licenziamento da parte della San Raffaele Spa.

La notizia è di poche ore fa e sta destando grande preoccupazione e angoscia. "Chiediamo l'immediata sospensione del provvedimento - dice Fabio Enne, segretario generale della Cisl territoriale - è indispensabile attivare subito un confronto a tre con azienda, sindacati e amministrazione regionale. Non possiamo permettere che si perdano altri posti di lavoro in bilico e venga messa a rischio l'assistenza".

Il tutto sarebbe legato alle nuove restrizioni imposte dalla Regione alle strutture accreditate. La "Rosa del Maganai" assiste attualmente una novantina di persone su una capienza di 120.

L'avvio della procedura di licenziamento era stata comunicata nei mesi scorsi. Ora sono arrivate le lettere.

Intanto l’azienda, attraverso una nota firmata da Giancarlo Maurandi, direttore della struttura di Iglesias, dice: "La Rosa del Marganai, che ha una capacità operativa di 120 posti letto, sino ad oggi ha erogato il servizio socio sanitario e assistenziale con personale dipendente in funzione di questa capacità operativa. Di fatto la struttura si trova ad occupare solo il 60 per cento dei posti letto disponibili, ben al disotto di quanto previsto dal contratto con ATS Sardegna attualmente in deroga per i primi 4 mesi del 2018 ed ancora meno rispetto alle prestazioni, soprattutto rivolte ai pazienti ad alta intensità sanitaria, erogate negli anni precedenti".

Maurandi si dichiara "amareggiato nel dover assumere tali decisioni aventi grave impatto sociale" e si augura "possano essere trovate le più idonee misure per la soluzione della problematica".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • Shaggy66 24/01/2018 12:38:23

    Queneau, non ho fatto alcuna domanda. Era una considerazione sul fatto che quando un servizio privato è in perdita si "razionalizza" sul personale mentre in altri casi analoghi si tagliano prestazioni o si aumentano le spese, palesi e occulte, a carico del cittadino/contribuente.
  • Queneau 23/01/2018 18:38:52

    Shaggy66, la tua domanda non mi è chiara.
  • Shaggy66 23/01/2018 18:03:09

    Non credo servano molte parole; la struttura é utilizzata solo al 60% e quindi la San Raffaele SPA deve tagliare il personale. Punto. Vorrei che onestamente si facesse un paragone con una struttura pubblica qualsiasi che si trova ad essere utilizzata al 60% e il cui bilancio fallimentare viene annualmente ripianato dai contribuenti. Solo commenti onesti però...