Cronaca » La Maddalena

La Maddalena, i Riformatori: "Inopportuna la nomina del nuovo presidente del Parco"

Lunedì 22 Gennaio alle 10:58


La Maddalena, la sede del parco

Presa di posizione da parte dei Riformatori Sardi nei confronti della nomina di Fabrizio Fonnesu a presidente del Parco nazionale di La Maddalena, arrivata a Camere sciolte.

"Nessuna riserva sulla persona designata né sulle sue competenze - dice il consigliere regionale Michele Cossa - Quello che si contesta è il metodo poco limpido e l’opportunità del momento scelto, a poco più di un mese dalle elezioni politiche".

"La Regione - aggiunge -, senza consultare l’Amministrazione comunale, ha proposto un nominativo ad un governo in carica solo per l’ordinaria amministrazione. Il presidente Pigliaru dovrebbe farsi garante di atti trasparenti e istituzionalmente corretti; inaudito dunque che, al contrario, proponga una nomina così importante per il futuro di un territorio delicato e strategico come quello di La Maddalena ad un governo morente".

Cossa ricorda anche come l'esperienza degli ultimi anni avrebbe dovuto suscitare una riflessione sull'opportunità che "la carica del presidente del Parco coincida con quella del sindaco del Comune interessato, soluzione che peraltro si sta prospettando per l’isola di Pantelleria".

Questa concomitanza "garantirebbe il pieno rispetto della sensibilità della comunità locale e coerenza nelle decisioni amministrative, oltre ad eliminare quei conflitti che hanno sempre condizionato negativamente la vita del Parco".

Quindi l'appello al governatore sardo "affinché sospenda la procedura in attesa della nomina del nuovo ministro all’Ambiente e soprattutto che valuti attentamente la nostra proposta: che diventi consuetudine proporre il sindaco pro-tempore come presidente del Parco".

(Unioneonline/s.s.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • FilonediLa_ 22/01/2018 19:38:34

    Questa giunta ha senza dubbio manifestato tutto, tranne la trasparenza, questo è l'ennesimo attacco alla democrazia, l'ennesima violazione, l'ennesima violenza compiuta da chi doveva rappresentarci ai nostri danni, la cui finalità non è altro che quella di ricoprire in fretta e furia tutte le posizioni prima della probabile batosta del 4 Marzo... Complimenti vivissimi, avete sprecato l'ennesima possibilità d'esser corretti nei confronti dei vostri concittadini!!!
  • isbremis 22/01/2018 14:05:11

    il sindaco di 12.000 abitanti potrebbe essere sottoposto a pressioni da interessi dei propri cittadini, a discapito di quelli del parco...altro che pieno di rispetto della sensibilità e coerenza. Il parco va presieduto da qualcuno che non possa avere interessi sul territorio, se non il bene del territorio. va gestito da qualcuno che riesca a conciliare gli interessi portati avanti da un buon sindaco con gli interessi di tutela ambientale non sempre abbracciati da un sindaco.