Cronaca » Italia

Elezioni, la Cei: "Immorale lanciare promesse che non si possono mantenere"

Lunedì 22 Gennaio alle 17:13


Gualtiero Bassetti

È un invito alla sobrietà quello che Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, ha rivolto ai politici italiani nel suo intervento davanti al Consiglio Episcopale Permanente dei vescovi.

Una sobrietà "nelle parole e nei comportamenti. La campagna elettorale sta rendendo serrato il dibattito, ma non si può comunque scordare quanto rimanga immorale lanciare promesse che già si sa di non riuscire a mantenere. Altrettanto immorale è speculare sulle paure della gente: al riguardo, bisogna essere coscienti che quando si soffia sul fuoco le scintille possono volare lontano e infiammare la casa comune, la casa di tutti".

"Bisogna reagire a una 'cultura della paura' che, seppur in taluni casi comprensibile, non può mai tramutarsi in xenofobia o addirittura evocare discorsi sulla razza che pensavamo fossero sepolti definitivamente. Non è chiudendo che si migliora la situazione del Paese".

"Richiamato il valore morale e democratico del voto, voglio essere altrettanto chiaro sul fatto che la Chiesa non è un partito e non stringe accordi con alcun soggetto politico".

LA POVERTÀ - "Un altro dato che inquieta - prosegue Bassetti - è quello relativo alla condizione di povertà assoluta delle famiglie: si parla di oltre un milione e mezzo, con un aumento di ben il 97% rispetto a dieci anni fa".

"Se si fermano le famiglie, si ferma il motore sociale del Paese. Smette di battere il cuore della società. È necessario ripeterlo con forza: è urgente e doveroso aiutare, curare e sostenere, in ogni modo possibile, le famiglie italiane".

L'URGENZA DI RICOSTRUIRE - "C'è un'urgenza morale di ricostruire ciò che è distrutto - ha concluso, rivolgendo un pensiero ai terremotati -. L'Italia è il Paese di una bellezza antica e prodigiosa, ricca di umanità e fede, di paesaggi incantevoli e con un patrimonio culturale unico al mondo. Una bellezza, però, estremamente fragile nel suo territorio, nei suoi borghi medievali, nelle sue città".

"Ancora oggi non possiamo dimenticare quelle migliaia di persone che hanno perso tutto con il terremoto. Sentiamo una vicinanza intima e profonda con questi uomini e queste donne. Ricostruire quelle case, riedificare quelle città, significa donare un futuro a quelle famiglie e vuol dire ricostruire la speranza per l'Italia intera".

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • dadaolta 23/01/2018 10:27:42

    Il "succo" della predica elettorale è chiarissimo: "Cari fedeli,votate PD! E le cose continueranno ad andare per il verso giusto: promesse poche...ma tantissimi poveracci, disoccupati,disperati e soprattutto..."migranti"! P.S. "Immorale lanciare promesse che non si possono mantenere"? Mooolto credibile ,detto da chi "campa" promettendo il Paradiso!!! :-)))
  • Giano 22/01/2018 22:18:58

    Quanta ipocrisia: chiarissimo messaggio politico politicamente corretto mascherato da principio umanitario. E’ immorale fare promesse che non si possono mantenere? Eppure la CEI insiste nel voler abbattere i muri, i confini, le frontiere, ed invita a costruire ponti, aprire le porte a tutti gli immigrati, ed accogliere mezza Africa, ben sapendo che l’Italia non può mantenere tutti. Anche questa è una promessa che non si può mantenere. Questo non è immorale? Vergognatevi.
  • Fisio 22/01/2018 17:39:18

    Come puo' una persona negare che esistono le razze. Certo che esistono. La razza europea non è uguale alla razza africana, alla razza araba o a quella dei nordici o estoni e cosi' via. Certa gente è miope. Siamo tutti esseri umani ma la razza esiste sempre.